Ticker powered by SteGaSoft

-

“Il segreto di Italia”. Un film, mille polemiche

Non sarà un capolavoro destinato all’Oscar. Ma certamente è un film di grande sentimento che squarcia, anche sul grande schermo, ...

La storia d'Italia come terra di frontiera

Marco Valle non è uno storico professionista e questo lo differenzia da alcuni “professori di storia”, sacerdoti del mainstream, officianti ...

I finti Romanov tra fantasia e leggenda

Centinaia di persone hanno tentato di farsi passare per i superstiti della sparatoria che nel 1918 ha sterminato la famiglia ...

L'anfiteatro di Saintes racconta come morivano i gladiatori

Ossa. Tantissime. Quel che resta di uomini, donne, bambini. E quegli anelli pesanti, di ferro. Ora arrugginito, al tempo reso ...

Petacco sul blog di Grillo: Mussolini non ha ucciso Matteotti

Arrigo Petacco, decano dei divulgatori italiani, è stato intervistato dal blog di Beppe Grillo e ha detto la sua sul ...

Il nome della cosa. Un viaggio durato più di duemila anni

Il termine, visualizzato dal pittore francese Courbet nel suo "L'origine del mondo", fu inventato dai romani, diventando poi cogno in ...

I Borgia: al via una terza stagione torbida, cruda e brutale

Girata anche in Italia, e in particolare ad Urbino, arriva la terza stagione de I Borgia. Da lunedì 3 novembre ...

50 anni fa veniva lanciato il primo satellite italiano, il S.Marco

Il programma San Marco: da 50 anni l'Italia nello spazioCinquant’anni fa l’Italia spediva in orbita il suo primo satellite artificiale, ma quel ricordo che segnava la nascita dello spazio nazionale si trascina ancora oggi nel fondo una lite giudiziaria tra accademici, cioè tra i protagonisti di allora e l’Università …

Continua »

 

Mussolini il temporeggiatore: la non belligeranza secondo E. Gin

Emilio Gin, sulla «Nuova Rivista Storica», in un saggio scritto in inglese, riprende e amplia un tema già affrontato nel libro “L’ora segnata dal destino. Gli Alleati e Mussolini da Monaco all’intervento” (Edizioni Nuova Cultura, 2012).

di Dino Messina da …

Continua »

La storia d’Italia come “terra di frontiera”

Copertina_ConfiniConflitti-3-350x496Marco Valle non è uno storico professionista e questo lo differenzia da alcuni “professori di storia”, sacerdoti del mainstream, officianti del «politicamente corretto» che hanno fatto del loro «mestiere» un esercizio stanco e ripetitivo, simile a tanti altri lavori soffocati …

Continua »

 

Le lettere private di Himmler sono un documentario da Oscar

“Te Decent One,” a documentary by Israeli filmmaker Vanessa Lapa about the notorious Nazi leader Heinrich Himmler, is being considered for an Academy Award nomination. Illustrated with rare archival footage, the film’s text is based purely on a recently discovered …

Continua »

Trento, D’annunzio aviatore in mostra. Il commento di Sgarbi

Ci sono coincidenze nella storia che è utile riscontrare perché indicano sensibilità, gusto e visioni che caratterizzano un’epoca. Gabriele d’Annunzio aviatore, che in questa occasione – la mostra «Gabriele d’Annunzio aviatore» Trento, Museo dell’Aeronautica Gianni Caproni, sini al 30 marzo …

Continua »

 

Addio a Gorrini, l’asso di Salò che terrorizzava le Fortezze volanti

Nell’Aeronautica militare italiana era una specie di leggenda: l’ultimo degli «assi» – e a detta di tanti il migliore – del cielo. Luigi Gorrini, questo il suo nome, si è spento a Piacenza, all’età di 97 anni. Durante la Seconda …

Continua »

Weimar secondo Buttafuoco, con i funerali della signora Göring

Dopo la spaventosa tempesta della prima guerra mondiale, la Germania weimariana, a causa degli scellerati trattati di Versailles del 1919, oltre a perdere Alsazia-Lorena, lo Shleswig settentrionale, parte della Posnania e della Slesia, nonché la città di Danzica, è nel …

Continua »

 

I finti Romanov tra fantasia e leggenda

I finti Romanov tra fantasia e leggendaCentinaia di persone hanno tentato di farsi passare per i superstiti della sparatoria che nel 1918 ha sterminato la famiglia imperiale. Rbth racconta i destini e le avventure dei presunti eredi.

di Mikhail Butov, da Rbth del 2 luglio 2014 …

Continua »

Banner abbonamenti Storia in Rete

Acqua e grano: la base del destino dell’Impero Romano

L’efficiente gestione delle risorse idriche destinata alla coltivazione di grano fu uno degli elementi che garantì la capacità dell’Impero Romano di fare fronte alle necessità alimentari della sua ampia popolazione, anche in funzione della variabilità climatica locale. Tuttavia, secondo un …

Continua »

 

Altro che secoli bui. La lezione di Stark su Medioevo e crociate

crociatiOggi sul Corriere della Sera appare una lunga recensione di Paolo Mieli al libro del sociologo Rodney Stark, La vittoria dell’Occidente (Lindau). I lettori di Tempi conoscono già Stark (qui una nostra intervista), oggi insegnante di Scienze sociali presso la …

Continua »

“I Borgia”: al via una terza stagione torbida, cruda e brutale

Girata anche in Italia, e in particolare ad Urbino, arriva la terza stagione de I Borgia. Da lunedì 3 novembre alle 21.10 su Sky Atlantic HD e Sky Online, il primo episodio sarà eccezionalmente visibile anche in streaming sul sito …

Continua »

 

Italiani da ricordare: la storia di Balilla e la rivolta di Genova

Il 5 dicembre 1746 a Genova gli austriaci rimasero impantanati con un cannone nel quartiere Portoria. L’ufficiale ordinò alla folla di aiutarli scatenando la rivolta, iniziata appunto con la pietra lanciata dall’undicenne Giovan Battista Perasso.

di Enrico Silvestri dal Giornale …

Continua »

I Duellanti: una storia vera, da Napoleone a Conrad e Scott

Ritengo che ben pochi conoscano François Fournier-Sarlovèze (1773-1827), ufficiale francese di cavalleria (per la precisione degli ussari). La sua fu una carriera caratterizzata da molti alti e bassi, iniziata durante la Rivoluzione, proseguita ai tempi dell’Impero napoleonico e conclusasi durante …

Continua »

 

Roma, cerimonia per Andrea Aguyar, “il negro di Garibaldi”

Il Comune di Roma, nel 165° della morte, ha aggiornato la toponomastica della scalinata che ricorda Andrea il Moro, a Monteverde tra via Saffi e via Poerio, rendendola con il nome e cognome completo del Caduto, Andrés Aguyar, e ricordandolo …

Continua »