Storia In Rete n° 21/22, luglio/agosto 2007

7 settembre

Storia in Rete di luglio-agosto 2007 racconta imprese e miti di un personaggio al limite fra Storia e letteratura: Cagliostro. Alchimista o ciarlatano? Massone e inventore del Tricolore italiano?

Dal Settecento agli anni Sessanta, dove nuove inchieste minacciano di infrangere per sempre il mito dei Kennedy: ci sarebbe infatti la mano di Bob Kennedy dietro la morte di Marilyn Monroe. E sempre in America, “Storia in Rete” anticipa un capitolo di un nuovo saggio su H.P. Lovecraft, il grande scrittore di Providence e l’infinita polemica sulle sue opinioni politiche: fascista? razzista? convertito al Comunismo?

Polemiche a non finire anche nell’intervista con lo storico israeliano Martin Van Creveld, che parla a “Storia in Rete” dello stato della storiografia in Israele e soprattutto dello spinoso problema delle donne sotto le armi…
Dal Medio Oriente all’Antica Roma, con la nascita delle “sporche guerre”: come Roma arrivò a scoprire le guerre imperialiste e le scuse per giustificarle davanti al mondo attraverso la contesa con Cartagine. Medioevo, quindi, con le ultime ricerche di Barbara Frale sul processo ai Templari: non è vero che la Chiesa li condannò, anzi i documenti provano che il Papa fece di tutto per sottrarli dalle grinfie di Filippo il Bello. Invano…

Ancora delitti di Stato, stavolta in Italia con quello di Ettore Muti, il superdecorato italiano fatto assassinare da Badoglio: il primo omicidio eccellente dell’Italia post-fascista. Più indietro nel tempo “Storia in Rete” si sofferma sul genocidio armeno e sulle vicende di Crispi, il presidente del consiglio di ferro che aveva un debole per le donne.

E infine, noir all’italiana, con l’ultima, granguignolesca puntata delle Memorie di Mastro Titta, il Boja de Roma!

TUTTO QUESTO E MOLTO ALTRO SU STORIA IN RETE n. 21-22!!

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.