“Molto più di un ricordo”: memorie a 70 anni dalla fine della guerra

1 giugno

La costruzione di una memoria collettiva europea condivisa è la sfida che lancia il convegno in programma nel castello Rocca Colonna di Castelnuovo di Porto, a pochi passi da Roma, il 3 giugno alle 10.00, promosso nell’ambito di “Molto più di un ricordo”, manifestazione realizzata – con il contributo della Regione Lazio – dal Comune di Morlupo, in collaborazione con il Comune di Castelnuovo di Porto con organizzazione a cura dell’ASI CIAO Coordinamento Provinciale di Roma.

La conferenza, che punta ad affrontare le fasi e gli aspetti salienti che hanno caratterizzato gli anni del periodo bellico, vedrà la partecipazione di alcuni storici italiani, giornalisti ed esperti di geopolitica, tra cui Lorenzo Salimbeni, Alessandro Lundini e Emanuele Mastrangelo, moderati da Emanuele Merlino.

“Molto più di un ricordo”, ideato per il 70° anniversario della fine della seconda guerra mondiale con l’obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza dei territori coinvolti sulla storia d’Italia, ha proposto una serie di appuntamenti culturali in date simbolo del calendario nazionale.

L’iniziativa, dopo la tappa del 4 novembre nel Comune di Morlupo, si concluderà il 4 giugno alle 21,30 con il reading musicale “I racconti della memoria” di Antonino Cassata, con gli attori Claudio Rotunno, Federico Palla, Roberta Barberi. A seguire si terrà il concerto “La Resistenza raccontata in musica” dal tenore Alessandro De Angelis, a cura del quartetto Z-ensamble dell’associazione Artemus che riproporrà, su composizioni originali e arrangiamenti del maestro Carlo Zannetti, le musiche che hanno segnato la storia italiana ed europea tra il 1944-45, da Lilì Marlen all’Internazionale francese.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.