Storia In Rete n° 25/26, novembre/dicembre 2007

7 settembre

Storia In Rete n° 25-26, (novembre/dicembre 2007) racconta i dettagli della congiura di Piacenza, la sanguinosa fine del Duca Farnese, Pier Luigi, figlio del papa, abbattuto dai suoi nemici filo-imperiali. Una delle pagine più intricate dell’Italia del Rinascimento, fra tentativi di costruzione dello Stato moderno, attriti fra Papato e Impero di Carlo V e rivalità fra famiglie nobili italiane.

E ancora, la P2, fra miti giornalistici e reali aderenze nella società italiana.

Storia in Rete dedica quindi molto spazio a tre grandi rivoluzionari con altrettante biografie che li raccontano: Pancho Villa, Roberto Farinacci e Fidel Castro.

E ancora, lo scandalo della mala gestione del patrimonio di Pompei e il mistero delle “Amicizie Angeliche”, le inquietanti sette segrete che in Francia si annidavano all’interno della Chiesa Cattolica.

Tutto questo e molto altro su Storia in Rete n. 25-26!!

Guarda la copertina di Storia in Rete n. 25-26

Guarda il sommario di Storia in Rete n25-26

Pierluigi Farnese, l’uomo che voleva costruire lo Stato Nuovo

La Congiura: la macchina di morte contro Pierluigi Farnese

La vera storia della P2

Rivoluzionari: Pancho Villa raccontato in una nuova biografia

Rivoluzionari 2: Roberto Farinacci, un rompiscatole in camicia nera

Rivoluzionari 3: Fidel, l’uomo e il mito

SCANDALO POMPEI: come riusciamo a rovinare un patrimonio inestimabile

La Chiesa cattolica e le sette segrete: il mistero delle Compagnie Angeliche nella Francia del’ 700

TI SEI PERSO QUALCHE COSA? VEDI NELL’ARCHIVIO DEI NUMERI ARRETRATI

VUOI ACQUISTARE IL NUMERO 25-26 DI STORIA IN RETE IN PDF? C’E’ L’EDICOLA VIRTUALE

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.