48° Acqui Storia. Sabato 17 ottobre la premiazione

16 ottobre

Le giurie del Premio Acqui Storia hanno designato i vincitori della 48a edizione. Si sono aggiudicati ex aequo il premio da 6.500 euro per la sezione storico-divulgativa: Franco Cardini con il volume «L’appetito dell’Imperatore. Storie e sapori segreti della storia» (Mondadori) e Paolo Isotta con «La virtù dell’elefante. La musica, i libri, gli amici e San Gennaro» (Marsilio). Antonio De Rossi, con il volume «La costruzione delle Alpi. Immagini e scenari del pittoresco alpino (1773-1914)», (Donzelli) si è aggiudicato il premio per la sezione storico-scientifica. Licia Giaquinto è stata premiata nella sezione romanzo storico per il volume «La Briganta e lo sparviero » (Marsilio). La cerimonia di premiazione è in programma sabato 17 ottobre al Teatro Ariston di Acqui Terme. Sarà condotta da Mauro Mazza, ex direttore di Raiuno e Tg2 , e da Antonia Varini, di Uno Mattina, e sarà il culmine di un intenso programma di eventi che prevede l’incontro dei vincitori con la stampa, gli studenti ed il pubblico.

Il tutto moderato da Carlo Sburlati, patron anche dell’altro premio internazionale della città piemontese, l’«Acqui Ambiente». Sul palco del Teatro Ariston, oltre ai vincitori delle tre sezioni verranno conferiti anche i premi speciali: il premio «Testimone del Tempo 2015» è stato conferito al comico Dario Ballantini di Striscia la Notizia, agli scrittori e giornalisti Pietrangelo Buttafuoco e Italo Cucci, alla psicologa Maria Rita Parsi e ad Antonio Patuelli, presidente dell’ABI. Il premio «La storia in Tv 2015» è andato a Gigi Marzullo. Infine il premio speciale «Alla carriera», è stato conferito a Giuseppe Galasso, tra i massimi storici italiani del Novecento.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.