La petizione: no a riabilitazione per i disertori del 1915-18

24 ottobre

La Camera dei Deputati ha recentemente approvato all’unanimità (un solo astenuto) un disegno di legge che prevede la completa riabilitazione militare di tutti i soldati italiani fucilati, nel corso della Prima Guerra Mondiale, dai tribunali militari con l’accusa di diserzione, fuga di fronte al nemico, rivolta e ammutinamento.
In caso di approvazione tutti i soldati italiani fucilati per aver disertato saranno equiparati agli eroi caduti per l’Italia.
L’articolo 2, in particolare, prevede l’affissione, in un’ala del Vittoriano in Roma, di una targa nella quale la Repubblica “rende evidente la sua volontà di chiedere il perdono di questi nostri caduti”.
Per questo, pur condividendo la doverosa pietà umana nei confronti di questi nostri compatrioti, il Comitato 10 Febbraio chiede il ritiro della proposta di legge in quanto il riconoscimento militare di quanti fuggirono dal campo di battaglia rappresenterebbe un definitivo discredito nei confronti della memoria di Cesare Battisti, Nazario Sauro, Enrico Toti e dei tanti eroi che affrontarono la morte pur di difendere la Patria e la libertà.

“Se chi diserta ha la stessa dignità di chi combatte, cosa diventa lecito pensare di quelli che, nonostante tutto, scelgono di obbedire agli ordini? E che cosa pensare, poi, di quelli che, rispettando gli ordini, addirittura muoiono in combattimento?” Angelo Panebianco

FIRMA LA PETIZIONE CLICCANDO QUI

VUOI SAPERNE DI PIU’ SUL CENTENARIO DELLA GRANDE GUERRA? LEGGI LO SPECIALE DI STORIA IN RETE!!

copertina-speciale-grande-guerra

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.