Suoni misteriosi sulla Luna, nelle registrazioni dell’Apollo 10

23 febbraio

Il modulo di comando dell'Apollo 10, 'Charlie Brown'“Lo senti? Quella specie di fischio? Whoooooo!”. “Lo senti anche tu?”. “Sì, sembra musica dallo spazio”. Dopo quasi mezzo secolo di misteri, dagli ‘X files’ della Nasa riemerge l’audio di questa sorprendente conversazione avvenuta tra i tre astronauti dell’Apollo 10 in orbita sulla faccia oscura della Luna.

dall’ANSA del 22 febbraio 2016 Prima pagina: Ansa.it

La registrazione è stata diffusa dal canale televisivo americano Science Channel, riaccendendo così il dibattito sull’origine di quei misteriosi suoni avvertiti da Eugene Cernan, John Young e Tom Stafford nel 1969, due mesi prima dello storico sbarco di Neil Armstrong.
Nascosti dietro la luna e senza alcun contatto radio con la Terra, i tre astronauti dell’Apollo 10 non si aspettavano di sentire alcun suono provenire dalla strumentazione di bordo: la sorpresa per quello strano fischio durato quasi un’ora fu enorme, e li spinse a domandarsi se fosse il caso di raccontare quell’esperienza al centro di controllo della Nasa, per paura di essere esclusi da successive missioni spaziali.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

Il testo della conversazione uscì dagli archivi dell’agenzia spaziale americana soltanto nel 2008 e la sua pubblicazione diede vita ad un acceso dibattito sull’origine del suono lunare, che la trasmissione televisiva di Science Channel riprende anche oggi attraverso le voci di astronauti ed esperti. Una delle spiegazioni meno fantascientifiche viene illustrata da un tecnico della Nasa, che definisce il ‘fischio lunare’ come il frutto dell’interferenza tra le radio del modulo di comando e quello lunare. L’ipotesi è sostenuta anche dal pilota dell’Apollo 11 Michael Collins, che avvertì lo stesso suono durante la sua missione sulla faccia oscura della luna: l’astronauta spiega che il fischio iniziò proprio quando le radio dei due moduli vennero accese una in prossimità dell’altra, e poi scomparve subito dopo lo sbarco.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.