Da top secret a youtube: online i filmati dei test nucleari Usa

22 marzo

Sono circa 10mila i video girati per i 210 test nucleari condotti dagli Stati Uniti tra il 1945 e il 1962. Ora che il governo li ha declassificati, diversi di questi filmati inediti sono diventati accessibili a tutti, caricati su youtube.

di Viola Longo dal Secolo d’Italia del 21 marzo 2017

Scansionati oltre 4mila filmati di test nucleari
A rendere possibile l’accesso al materiale è stato il lavoro di un team di ricercatori del Lawrence Livermore National Laboratory (Llnl), il laboratorio di ricerca del Dipartimento dell’Energia statunitense. Sotto la guida del fisico Greg Spriggs, gli scienziati hanno analizzato, controllato e scansionato oltre 4mila filmati dei 6mila e 500 che erano stati individuati con un certosino lavoro di ricerca in caveau di sicurezza sparsi su tutto il territorio americano.

Un lavoro durato cinque anni
Il lavoro dei fisici del Llnl è durato circa cinque anni e ha riportato alla luce materiale che era rimasto inutilizzato per oltre un cinquantennio. Il resto lo ha fatto la declassificazione di 750 fra quei video, che ha consentito la pubblicazione di un certo numero di filmati proprio sul canale del laboratorio di ricerca. Gli obiettivi dell’operazione, si legge sul sito del Lawrence Livermore National Laboratory, sono «preservare il contenuto dei filmati prima che si perda per sempre, fornendo allo stesso tempo dati migliori agli scienziati».

La presentazione del Lawrence Livermore National Laboratory (Llnl)

Immagine anteprima YouTube

Alcuni dei video (clicca qui per l’intera playlist)

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.