Internati militari in Germania, le scomode verità svelate da Simoncelli

20 giugno

“Italiani e Italiane residenti in Germania, ha termine un anno che fu per ognuno di voi, sia pure in modi diversi, di grandi sofferenze materiali e soprattutto morali; le une e le altre dipendenti dalla miserabile capitolazione del settembre [’43] e dal tradimento compiuto dalla monarchia contro l’Alleato [tedesco]”. E’ l’inizio del messaggio radiofonico pronunciato da Mussolini, nel Natale del ’44. Il testo originale è conservato presso l’Archivio storico del Ministero degli Esteri. L’invito del duce a collaborare allo “sforzo tedesco, teso alla vittoria comune” era seguito da un richiamo particolare: “Non voglio in questo momento ricordare ciò che il Governo della Repubblica Sociale Italiana ha fatto per migliorare progressivamente le vostre condizioni di vita e togliervi dall’internamento militare che vi umiliava soprattutto nella vostra qualità di ex-combattenti. Tale opera – prometteva Mussolini – sarà intensificata…”. A suggerire l’intervento radiofonico al duce era stato uno dei più noti cappellani militari, tornato in Italia a fine ottobre ’44, dopo aver visitato vari Lager confortandone gli internati: il francescano fra Ginepro da Pompeiana, allora nelle fila repubblicane, autore nel dopoguerra di interessanti memorie, fuori circuito editoriale, su quegli anni drammatici.

di Paolo Simoncelli da LA NOSTRA STORIA La nostra storia del 18 giugno 2017

Il governo della Rsi era dunque riuscito a far liberare dall’internamento i circa 600 mila soldati italiani che dopo l’8 settembre ’43, catturati dai tedeschi, avevano rifiutato la collaborazione militare preferendo la dura vita dietro i reticolati? La questione, già poco nota nel ristretto ambito della storiografia accademica, è di fatto ignota al grande pubblico, malgrado la diffusa sensibilità all’argomento. Profila infatti una vicenda politicamente scorretta: si può riconoscere il merito della liberazione degli internati militari italiani (Imi) al governo di Salò? Figurarsi.

Tutta questa storia avrebbe potuto giovarsi di un notevole impulso allorché, il 18 novembre 2008 (quasi dieci anni fa), i ministri degli Esteri italiano e tedesco, Frattini e Steinmeier, al termine della visita alla risiera di San Saba, annunciarono l’istituzione di una commissione mista per lo studio “del passato di guerra italo-tedesco ed in particolare del destino degli internati militari italiani deportati in Germania”. La commissione (nominata nel marzo 2009, con la partecipazione di importanti storici tedeschi che vantavano specifici studi in materia, come Gabriele Hammermann e Wolfgang Schieder) chiuse i lavori nel luglio 2012. Il lungo Rapporto conclusivo riconobbe che dal 20 luglio 1944 gli Imi poterono mutare il loro status giuridico in liberi lavoratori civili con tutti i relativi benefici (iscrizione alla previdenza sociale, alla mutua, all’anagrafe, pagamento del salario in marchi del Reich…); che era appunto quanto chiesto fin dall’autunno ’43 dalle autorità di Salò. Se i politici e diplomatici di quella Commissione avessero suggerito di esplorare, e i membri della Commissione avessero esplorato a fondo l’Archivio storico del nostro Ministero degli Esteri, i risultati dei lavori avrebbero potuto essere clamorosi. I vari incartamenti provenienti dalla Repubblica Sociale, mostrano infatti che questa, fin dal suo costituirsi, non solo si era posta il problema dell’assistenza politico-diplomatica, giuridica e materiale ai connazionali internati in Germania, vittime di un durissimo trattamento, ma che era necessario operare per farli considerare “traditi”, non traditori. Fu essenziale l’istituzione di vari servizi di assistenza, militare e civile, alla cui direzione si distinsero Umberto Morera e Arnaldo Foppiani, negli organici della Rsi prescindendo da qualsiasi considerazione politico-ideologica (l’uno, alto ufficiale di Stato Maggiore di fede monarchica, l’altro, ufficiale di complemento degli Alpini in Russia e già internato dai tedeschi). Peraltro, il lavoro diplomatico svolto da Anfuso, ambasciatore di Salò a Berlino, aveva tra i principali obiettivi il recupero militare degli Imi: assai difficile farli arruolare volontariamente nel nuovo esercito della Rsi (contrarissima la Wehermacht), qualche successo forse si poteva conseguire chiedendo la trasformazione del loro status giuridico in liberi lavoratori civili. Del resto il Reich sperimentava l’inefficienza del lavoro coatto di Imi mal nutriti e maltrattati, e se fosse stato possibile sostituire con operai italiani gli operai tedeschi, questi avrebbero potuto essere arruolati e avviati al fronte. E per Salò si sarebbe profilata l’opportunità di guadagnare il consenso sociale, nei confini della Rsi, dei milioni di familiari degli Imi liberati e, come intuito da De Felice, di poter opporre questa liberazione a quella, non ottenuta dal governo Badoglio, degli italiani prigionieri degli alleati anglo-americani.

A determinare il successo delle insistenze della Rsi, personalmente del duce sul Fuehrer (dopo che fino al loro incontro a Klessheim il 22-23 aprile ’44, della questione non si poteva neanche parlare), fu l’attentato a Hitler del colonnello Stauffenberg a Rastenburg. La delegazione italiana guidata da Mussolini che doveva incontrare il Fuehrer proprio quel giorno, recava documentazione (tra cui l’elenco numerico degli Imi ripartito nei relativi 66 Lager, più quello degli Ospedali presso cui erano ricoverati alcuni di loro) e proposte da mostrare al Fuehrer. Giunti poco dopo lo scoppio dell’ordigno, Hitler, con ben altri pensieri, accolse e liquidò rapidamente gli ospiti accettando quanto proposto senza neanche voler vedere le relative carte. Ora dall’Archivio del Ministero degli Esteri emergono questi e altri documenti: inediti appunti di Mussolini, suoi telegrammi a Berlino per avviare subito la fase operativa della liberazione degli Imi, rapporti con la Wehermacht (che aveva giurisdizione sugli internati e relativi Lager che sarebbero passati all’amministrazione civile del lavoro), carteggi per rendere semplici e politicamente disimpegnate le clausole da far sottoscrivere agli Imi (che rifiutarono infatti quella, inizialmente prevista, del ringraziamento e della fedeltà politica, e che solo dopo che fu esclusa e fu chiaro che si trattava di lavoro civile e retribuito presero in considerazione la possibilità di accettare il nuovo status giuridico); oltre, naturalmente, problemi in merito al comportamento non uniforme dei comandanti dei vari Lager. Circostanza che determinò un’iniziale confusione (con conseguenze anche violente sugli Imi) risolta in seguito con la dichiarazione dell’“automatismo” della liberazione e trasformazione degli Imi in lavoratori civili, salvo quelli che avessero scelto di rimanere internati o che avessero chiesto di arruolarsi con la Rsi o con la Wehermacht. “Solo il 50% di essi uscì spontaneamente dai campi – si legge in un rapporto del novembre successivo – e gli altri furono obbligati dai tedeschi”.

Domenica 20 agosto ’44 ebbe luogo al campo di Wittenau, Stalag D, a Berlino, la cerimonia dell’abbattimento dei reticolati del primo Lager e della liberazione dei suoi 2000 internati: vi era giunto appositamente da Salò il sottosegretario agli Esteri, Serafino Mazzolini che pronunciò un breve discorso; uno, più lungo, fu pronunciato da Friz Sauckel, commissario del Reich per l’impiego della manodopera: “Il Fuehrer – disse – ha corrisposto al desiderio del vostro duce, e con ciò a quello dell’Italia Fascista, ed accorda a voi, soldati italiani, che per il tradimento di Badoglio siete stati trattati come internati, lo stesso generoso e socialmente equo statuto dei vostri compatrioti che lavorano in Germania come liberi operai”. Ma alla delegazione italiana presente non sfuggì il rancore stagnante negli ormai ex internati per le sopraffazioni e le violenze subite dai carcerieri: politicamente si poteva solo sperare, senza troppa fiducia, di recuperarli; “i primi contatti tra di noi e gli ex internati – scriveva Anfuso, presente a quella cerimonia – devono essere naturalmente molto cauti per cercare di creare un’atmosfera di comprensione”. E dalla nuova propaganda avrebbe dovuto esser bandito ogni tono retorico, fin allora controproducente.

I rapporti italiani inviati poco dopo a Mussolini e Mazzolini da Berlino, parlano di “opera di liberazione dei militari internati in Germania ovunque avviata”, con “molti ex internati già passati alla condizione di lavoratori liberi”, e di “liberazioni a pieno ritmo”. Ai primi di novembre risultavano ancora circa 90.000 internati dislocati in 68 lager (compresi gli Oflager riservati agli ufficiali che solo se di complemento avrebbero potuto chiedere volontariamente il passaggio a liberi lavoratori civili).
Quanti erano stati e dove erano stati questi Imi? Abbiamo ora a disposizione rapporti che, con progressive specificazioni, ne indicano numero e campi di concentramento. Un lavoro certosino che sarebbe proseguito minutamente con specifiche tecniche per ogni distretto, Lager e sotto-Lager (e – chiaro segno delle vicende belliche – loro progressivi spostamenti da est verso ovest a seguito dell’avanzata dell’Armata rossa); una mappatura continua che ebbe fine solo quando la Germania fu prossima all’anno zero. Il primo schema, approssimativo, dell’agosto ’44 indica, ancora come Imi, 520.844 militari (compresi quelli in Polonia), mentre dubbi si avevano in merito agli internati nei Balcani: non se ne avevano cifre certe; nei 18 Lager dislocati per lo più in Serbia, risultavano presenti 28.192 Imi, ma allargando le stime a quelli in Albania, Grecia e Bulgaria, si pensava potessero essere in tutto circa 80.000. L’ultimo rapporto a me noto è del 1° marzo ’45: segnala in poco più di 500.000 le “Forze presenti” (non più, dunque, Imi) in 56 campi, oltre 7 Oflager con poco più di 5.000 ufficiali.

Fino ad allora, dalle altre località in Germania e Polonia, i delegati della Rsi avevano inviato rapporti sulle nuove condizioni di questi ex Imi; rapporti che disegnano un ampio, onnicomprensivo ventaglio di situazioni: dal netto miglioramento delle condizioni di vita (soprattutto per i fortunati che fossero stati avviati al lavoro agricolo), alla stesso tipo di vita, o al suo peggioramento dato che il lavoro presso impianti industriali esponeva questi ormai liberi lavoratori al costante pericolo dei massicci bombardamenti alleati. D’altro canto, la difficoltà di alloggiare presso le fabbriche li aveva portati a vivere in scuole o negli stessi Lager circonvicini di provenienza, certo senza più reticolati, vigilanza, disciplina militare, angherie…, con paghe sindacali in marchi del Reich e potendo disporre di qualche libertà nei giorni festivi (in queste circostanze giungendo a volte con i loro schiamazzi, come documentato dalla Hammermann, ad essere oggetto di denuncia da parte della popolazione alle sezioni locali del partito nazionalsocialista).

Le circostanze possono sorprendere, ma stiamo parlando di mole di documenti e dati nuovi, da confrontare con quanto già noto, con le testimonianze raccolte da studiosi tedeschi (come la Hammermann) fra gli ex Imi o con i ricordi da costoro raccolti al loro ritorno. E’ una storia comunque dolorosa, non ben conosciuta e non diffusa in queste sue fasi forse per l’errato timore che altrimenti potrebbe indurre a ritenere limitate le sofferenze di quegli internati. Ma a ciò può opporsi subito quanto obiettò Anfuso a Ribbentrop sulle nuove condizioni degli ex Imi: “il miglioramento non era così appariscente da essere visibile a occhio nudo”. E’ una storia che dunque ora si riapre; e di cui potrò dare, anche in questa sede, la documentazione già esaminata e raccolta.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.