Perché l’FBI indagava sui giocatori di D&D negli anni ’90?

24 giugno

Nei documenti, i giocatori di ruolo vengono definiti “armati e pericolosi,” “dall’intelligenza eccezionale” e “sovrappeso e dall’apparenza poco curata.” I documenti dell’FBI consegnati a CJ Ciaramella mostrano che l’agenzia governativa aveva messo sotto indagine un gruppo di giocatori di Dungeons and Dragons (D&D) in quanto potenziali indiziati nel caso di Unabomber.

di JPAT Brown da MOTHERBOARD del 22 giugno 2017

Una notifica del 1995 proveniente dall’ufficio di San Francisco avvisava che lo sbrindellato gruppo di giocatori era “armato e pericoloso.”

“Allegata e resa parte permanente di questa notifica, una lista di giocatori e giocatori periferici coinvolti in un gruppo di individui comunemente inquadrato come “il gruppo di Dungeons and Dragons.”

Nella descrizione del caso, la notifica riassume poi un’intervista precedente con un dipendente dei TSR, ex publisher di D&D, che forniva un’introduzione estremamente risicata al gioco di ruolo…

“I giochi di ruolo fantasy e bellici si distinguono in quanto quelli di guerra prevedono la rievocazione di conflitti storici mentre i giochi di ruolo fantasy implicano avventure basate su scenari e personaggi di finzione. I giochi di guerra tradizionalmente prevedono la messa in scena di una giornata di battaglia relativa a una guerra specifica per revisione strategica da parte dei giocatori. Miniature, spesso dipinte a mano in colori appropriati per la battaglia, sono sistemate in modo identico al posizionamento delle truppe durante lo scontro reale. Il giorno seguente di battaglia può non essere messo in atto per un mese mentre le possibilità strategiche vengono prese in esame. Le miniature erano in origine alte 25 mm e fatte di piombo, ma sono poi state realizzate in una lega di peltro e alluminio.”

e una descrizione ancora più striminzita della storia di D&D…

“Dungeons and Dragons (D & D) era un gioco di ruolo originariamente chiamato Chainmail, prodotto da Gary Gygax e Dave Arneson nel 1972 e venduto dallo scantinato di Gygax. Nel 1973, Gygax, Donald Kaye e […] hanno formato una partnership nell’industria dei giocattoli che si è poi evoluta nella TSR nel 1975. Gygax operava la sede d’ufficio della TSR a Beverly Hills, California, facendo affari come Dungeons and Dragons Entertainment Corporation (DDEC).”

infine, una descrizione piuttosto aspra dei giocatori di ruolo come “individui dall’intelligenza eccezionale” che sono spesso “sovrappeso e dall’apparenza poco curata.”

“[…] i giocatori sono in genere individui dall’intelligenza eccezionale. Spesso vivono in modo frugale per sostenere le spese del loro hobby di giochi di guerra. […] ha inoltre avvisato che il tipico entusiasta di giochi di guerra è sovrappeso e dall’apparenza poco curata.”

la notifica conclude con una lista, che non è però inclusa nel documento, di “membri noti di Dungeons and Dragons.”

“La lista allegata è stata ottenuta tramite la revisione di file di computer e nomi estratti dai suddetti file relativi a membri del Dungeons and Dragons. — ARMATI E PERICOLOSI”

Per quanto riguarda il perché l’FBI ritenesse che dei lanciatori di dadi da 20 potessero avere qualcosa a che fare con il caso di Unabomber, una sezione del documento pesantemente redatta offre qualche informazione — prima della notifica, l’agenzia governativa aveva intervistato un membro del gruppo, che sosteneva che ci fosse stata un’insorgenza di accuse paranoiche sugli attentati. Una di queste accuse aveva, a quanto pare, raggiunto l’agenzia, forse tramite una serie di contatti stabiliti durante un’indagine precedente.

“in seguito all’interessamento della Federal Bureau of Investigation (FBI) nei confronti del suo gruppo di gioco, molti dei membri del gruppo sono diventati paranoici e hanno iniziato a puntare il dito uno contro l’altro. […] ha detto di credere che il motivo fosse la natura sospettosa degli individui coinvolti nel suo gruppo di gioco. […] ha detto di essere piuttosto sicuro che qualcuno dei membri del gruppo fantasticasse sulla possibilità che forse uno degli altri membri fosse responsabile degli attentati. […] ha detto che la natura delle loro attività di gioco e il fatto che molti fan del gioco sostengono anche teorie cospirazioniste è probabilmente la causa di molte delle accuse mosse.”

La descrizione del caso non va oltre a questo nel documento, e benché non ci sia una notifica formale sulla sua chiusura, la lettera pubblicata fa riferimento a determinate parti che sarebbero assenti. Potete leggere l’intero file sulla pagina della richiesta.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.