New York, la comunità italiana difende Colombo e attacca Di Blasio: “fake Italian”

6 ottobre

I leader della comunità italo americana di New York boicotteranno il ricevimento che il sindaco Bill de Blasio terrà per commemorare il Columbus Day, la giornata in cui si ricorda l’arrivo di Cristoforo Colombo nelle Americhe il 12 ottobre del 1492.

da Risultati immagini per il messaggero del 5 ottobre 2017

Secondo gli italiani di New York de Blasio non avrebbe dovuto includere anche l’esploratore italiano quando ha decisio di istituire una commissione per rivedere i monumenti considerati simbolo di oppressione. Colombo è nella lista nera insieme ai generali sudisti, un paragone che gli italo americani non accettano, tanto da additare il sindaco con l’appellativo di “fake italian” (italiano fasullo).

Il dibattito sulle statue si è inasprito a partire da agosto, quando, mentre nelle piazze esplodeva la tensione razziale, alcuni monumenti sono stati presi di mira dai vandali. Tra questi anche un busto di Cristoforo Colombo nel Queens,. Il primo cittadino newyorchese, che si è comunque sempre detto orgoglioso delle sue origini italiane, ha poi deciso di inserire lo scopritore del continente americano tra i personaggi simbolo di vessazione verso i più deboli. Allo stesso tempo, la speaker del consiglio comunale ha suggerito di rimuovere l’iconica statua di Colombo a Columbus Circle.

Secondo i rappresentanti della comunità dello Stivale nella Grande Mela però, il comportamento dell’amministrazione cittadina è inaccettabile, per questo non parteciperanno al ricevimento in onore del celebre, ma contestato, avo.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.