Le migrazioni inesorabili che segnarono la fine dei Neanderthal

6 novembre

Le migrazioni inesorabili che segnarono la fine dei NeanderthalLa scomparsa dei Neanderthal potrebbe non essere dovuta a un vantaggio evolutivo degli uomini moderni legato a fattori ecologici, biologici o culturali. La loro sostituzione da parte della nostra specie sarebbe invece dovuta alle dinamiche demografiche innescate da un lento ma inesorabile flusso migratorio dei nostri antenati diretti, le cui popolazioni africane di origine erano molto più numerose

Da LE SCIENZE del 3 novembre 2017

La scomparsa dei Neanderthal potrebbe essere legata ai costanti flussi migratori degli uomini anatomicamente moderni, e non a un fattore evolutivo che avrebbe favorito i nostri antenati più diretti. E’ questa la conclusione a cui sono giunti due ricercatori della Stanford University a seguito di una ricerca sui modelli demografici delle antiche popolazioni dell’Europa e del Vicino Oriente, ora pubblicata su “Nature Communications”.

Le migrazioni inesorabili che segnarono la fine dei Neanderthal

Confronto fra il cranio di un Neanderthal (a sinistra) e di un essere umano anatomicamente moderno (© Science Photo Library / AGF)

Questa conclusione – sottolineano Oren Kolodny e Marcus W. Feldman – è “neutra” rispetto alle ipotesi dell’esistenza di fattori ambientali, biologici o culturali che avrebbero avvantaggiato gli esseri umani moderni: questi eventuali fattori possono avere affrettato l’estinzione dei Neanderthal, ma la loro sostituzione da parte dei nuovi venuti era comunque inevitabile.

La grande maggioranza degli studi sulla scomparsa dei Neanderthal parte dal presupposto che per spiegarla sia necessario ipotizzare un vantaggio degli umani moderni rispetto alla specie cugina. Si è parlato, per esempio, di una più ampia gamma di opzioni alimentari, di una migliore capacità di resistere ai cambiamenti climatici o alle infezioni, oppure di una capacità cognitiva superiore, riflessa nella cultura materiale e nell’uso di strumenti, incluse le armi. Gli studi si sono quindi concentrati sulla ricerca di questo vantaggio determinante o di una ipotetica “superiorità” della nostra specie.

Kolodny e Feldman sono invece partiti da un dato, ricavato con sofisticate analisi statistiche della frequenza di mutazioni nel genoma e condiviso da genetisti e paleoantropologi:  gli individui neanderthaliani che vivevano in Europa e nel Vicino Oriente erano relativamente pochi, mentre in Africa c’era una popolazione di esseri umani moderni molto più

numerosa. Questa situazione demografica di partenza è confermata anche dalle diverse condizioni ambientali dell’epoca in quelle regioni.

Le migrazioni inesorabili che segnarono la fine dei Neanderthal

Ricostruzione di un Neanderthal basata sui fossili ritrovati a La Chapelle-aux-Saints (© Science Photo Library / AGF)

I dati archeologici e genetici indicano inoltre che verso la fine del Paleolitico medio gli esseri umani moderni hanno iniziato a migrare in diverse ondate dall’Africa, prima nel Vicino Oriente e quindi in altre parti dell’Eurasia. Kolodny e Feldman hanno quindi ipotizzato che, benché composto da gruppi di individui non molto numerosi, questo flusso migratorio sia proseguito costantemente per molto tempo e seguendo diverse direttrici.

I due ricercatori hanno poi ipotizzato che l’arrivo di una tribù di umani moderni in un certo territorio innescasse una competizione per le risorse con i Neanderrhal locali e che questa competizione portasse all’estinzione di uno dei due gruppi a caso, ossia con uguale probabilità.

A partire da questo semplice scenario, tutte le simulazioni dell’andamento demografico delle due popolazioni portano alla scomparsa dei Neanderthal. A cambiare è solo il tempo necessario perché avvenga, che dipende dal’intensità dei flussi migratori degli uomini moderni dall’Africa. Nelle loro simulazioni i ricercatori hanno ipotizato che avvenissero a un tasso piuttosto basso, ossia a opera di piccoli gruppi e con una frequenza relatvamente lenta.

Il tempo necessario all completa sostituzione dei Neandethal con gli umani moderni non è mai risultato superiore ai 12-14.000 anni, lo stesso lasso di tempo nel quale è stata dimostrata la coesistenza delle due specie in Eurasia.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.