Un generale rivela i segreti della “fabbrica dei sensitivi” sovietica

18 febbraio

Nei centri di ricerca delle forze dell’URSS e Russia, per 15 anni, segretamente, hanno lavorato sensitivi, che hanno compiuto lavori di ricognizione durante la guerra in Cecenia e nella lotta alla criminalità. Un lavoro simile per vent’anni è stato combattuto con il programma “Guerre stellari” negli USA. Ora l’etichetta “top secret” non c’è più.

da SputnikNews del 13 febbraio 2018 Risultati immagini per sputniknews

Il generale-tenente sovietico Alexei Savin, dottore in filosofia e scienze tecniche, esperto di analisi e di controllo dello Stato maggiore Generale, che ha lavorato con i sensitivi, ha parlato a Sputnik.

— Il dipartimento militare 10003 è stato istituito nel dicembre del 1989. Quali erano i suoi obiettivi?

— In realtà, l’idea è nata non al ministero della Difesa, ma al KGB. Gli agenti del KGB erano ben informati sui lavori nell’area della psicosfera, condotti all’estero, soprattutto dagli americani. In quei documenti che il KGB aveva, è stato dimostrato che gli americani, con abilità insolite, avevano fatto molto per scoprire i nostri militari, la costruzione di nuovi supporti strategici, per neutralizzare e effettivamente influenzare il lavoro della nostra intelligence all’estero. E il KGB si è rivolto al ministero della Difesa, in particolare, al Capo di Stato maggiore Generale, con la proposta di osservare con attenzione il fenomeno. Tanto più che, a quel tempo, molti parlavano di sensitivi.E il Capo di Stato Maggiore Generale ha ordinato la creazione di una Commissione, dove sono entrato. Questa Commissione ha riunito scienziati, medici, persone che possedevano abilità insolite, e ha organizzato una seria verifica.

Abbiamo trovato circa 20 persone, che avevano abilità insolite, tra 30 mila persone esaminate in URSS.

— Quali erano le loro attività: individuare sottomarini nemici, identificare con precisione la loro posizione?

— Certo. Molte attività. Valutare la qualità delle persone, cioè, fornire le complete caratteristiche di un uomo, altezza, scrittura, aspetto. Il secondo era di determinare dove si trovano gli oggetti avversari, aree dei sottomarini nucleari di pattuglia,  determinare il contenuto dei documenti senza la loro lettura, scritti in qualsiasi lingua del mondo, trovare oggetti nascosti, persone rapite, e così via. Nell’elenco avevamo circa 20 parametri.

Abbiamo poi, con l’aiuto della scienza, ottenuto maggiori dettagli, e alla fine non abbiamo più usato i sensitivi. Ci ha aiutato molto la direttrice dell’Istituto scientifico del cervello umano dell’Accademia delle scienze dell’URSS, Natalia Bekhtereva e il nostro Istituto di fisiologia di Mosca. Il fatto è che, ancora all’inizio del ventesimo secolo, la scienza ha dimostrato che, con l’allenamento, qualsiasi persona può diventare geniale, se è sana mentalmente, e a qualsiasi età.Per la ricerca in questo settore ha ricevuto il premio Nobel lo scienziato spagnolo Ramon y Kajal. Ma tutte queste ricerche non le abbiamo utilizzate. Noi con l’aiuto della direttrice abbiamo preparato i materiali con i nostri scienziati, in primo luogo, degli psicologi. Ad esempio, il creatore della teoria del set Dimitri Uznadze. E ci siamo resi conto che se si intensifica  il lavoro del cervello, in modo sincrono si insegna a lavorare alla parte sinistra e destra del cervello, la persona acquisisce superpoteri. Siamo rimasti stupiti. Questa geniale scoperta che hanno fatto gli studiosi nazionali, ha permesso di creare una scuola. Non avevamo bisogno di un sensitivo, abbiamo potuto prendere qualsiasi persona, dello spionaggio o controspionaggio, e insegnare queste tecniche di attivazione dell’attività cerebrale.

— Quali risultati concreti ha portato questo lavoro?

— I nostri esperti hanno stabilito che a Glasgow c’è stata un’emergenza, simile a quella che è successa a Chernobyl. Non abbiamo avuto conferma ufficiale dalle autorità, ma attraverso le nostre fonti, in ambasciata, abbiamo dato queste informazioni agli inglesi e dopo qualche tempo una fonte è stata invitata in ambasciata, la persona ha ringraziato per l’attenzione verso il Regno Unito. Cioè, ci siamo resi conto che hanno preso le misure, e il disastro è stato evitato.

Abbiamo aiutato il KGB a trovare un appartamento di spie a Mosca, ad individuare i percorsi di consegna di armi dall’Occidente, munizioni, droga. In particolare nel 1993, quando la situazione nel paese era molto tesa. E con il ministero dell’Interno abbiamo lavorato come il controspionaggio.

 

— Avete predetto un terremoto in Kamchatka.

Il generale Moiseev Mikhail, Capo di stato Maggiore, si è costantamente interessato al nostro lavoro, ci ha molto aiutati. Uno dei primi compiti che mi ha chiesto di svolgere e valutare era la situazione sismica nella regione della Kamchatka. Abbiamo predetto il terremoto. Tutto è successo così, come avevamo predetto. E la gente era preparata, abbiamo ridotto al minimo i danni del terremoto. L’Accademia delle Scienze ci ha poi chiamato, abbiamo svelato loro la nostra metodologia.

— Parlateci dello sbarco di alieni in Uzbekistan. Era il 1991…

Un sensitivo ha scritto a Gorbachov del previsto l’atterraggio alieno. Ha scritto e il ministro della Difesa era Jazov, che ha scritto al Capo di Stato maggiore Generale e lui ha scritto a sua volta: “Prendetelo!” E il comandante delle truppe della Difesa aerea Tretjak mi ha chiesto di partecipare a questo evento. Abbiamo trovato quest’uomo. Molto interessante, molto erudito, già in età avanzata e insieme a lui siamo andati a Tashkent. Sulla mappa ha indicato il posto dove dovevamo andare. Abbiamo preso l’elicottero, siamo arrivati, ma nessuno degli alieni è apparso. E qualcuno dell’equipaggio ha commentato che il sensitivo, tutto questo, era menzogna e mistica, e così via. Allora il sensitivo lo ha condotto in stato di ipnosi e lui ha cominciato a parlare. E l’impressione era che il ragazzo fosse seduto con gli alieni, che erano educati, sapevano rispondere, e il discorso era già un altro! L’impressione era che questo ragazzo stava chiacchierando e ci riportava il contenuto di questa conversazione. Poi siamo tornati a Mosca, al Capo ho riferito che il contatto con gli alieni non aveva funzionato.

Ci hanno inviato in punti caldi, uomini e donne. Con l’obiettivo di rilevare spie, per ricerca di oggetti mimetizzati, depositi di armi, munizioni.

Nel 2000 la struttura è stata sciolta, ma il lavoro principale è stata la creazione di metodologie di apprendimento delle persone. Noi lo abbiamo fatto. La preparazione è nata attraverso essa.

— Come si presenta il processo di apprendimento e divulgazione di queste abilità, perché chiaramente non è come in Harry Potter, dove insegnano come agitare la bacchetta magica…

Abbiamo un paio di corsi di base. Uno per forze di sicurezza, di un paio di mesi. Abbiamo anche un corso di un giorno, 5 o 6 ore. Ho dovuto imparare molte cose, imparare ad aiutare le persone a regolare il loro pensiero per questo tipo di lavoro, molto delicato. Ognuno va aiutato per essere sintonizzato, calmare il vortice dei processi che si verificano in testa per tutto il tempo, la turbolenza fuori. E lo schema è il seguente. Primo: fitness del cervello, il supplemento obbligatorio per la formazione del cervello, cioè, necessariamente il lavoro dell’emisfero destro e sinistro allo stesso tempo. E poi il passo successivo, dopo un’ora e mezzo, cominciano a parlare con il subconscio, io insegno loro ad aprire la loro mente subconscia. Noi ad essa non ci rivolgiamo. Bisogna imparare a parlare con essa!

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.