Storia in Rete n. 148-149, febbraio-marzo 2018

8 marzo

Il lato oscuro delle migrazioni umane è fatto di popoli autoctoni ridotti a minoranze e chiusi in riserve o di teschi nelle bacheche dei musei con su un cartellino che recita la scritta “estinto”. Questo è il riassunto di 50.000 anni di storia (e preistoria) dell’Homo Sapiens, dal genocidio dei cugini Neanderthal ai genocidi prossimi venturi, passando per le grandi migrazioni dell’Antichità, il colonialismo europeo in America e Australia e infine i flussi inversi, le “remigrazioni”, un tema assai poco contemplato dai media mainstream ma quantomai attuale. E sempre in tema di migrazioni, immigrazioni ed emigrazioni, Storia in Rete continua anticipando alcune pagine di un nuovo saggio che racconta il genocidio degli indiani d’America e le giustificazioni ideologiche dell’espansione bianca in Nordamerica.

Di massacro in massacro, poi, con il cinquantesimo anniversario della strage di My-Lai, la “Marzabotto del Vietnam” per la quale però nessun soldato yankee ha mai pagato.

E quindi, arte che torna a nuova vita e arte che viene cancellata: il restauro del maestoso affresco di Mario Sironi nell’Aula Magna della Sapienza di Roma, deturpato per decenni da censure politiche e rifacimenti, torna al suo antico splendore dopo anni di delicato lavoro da parte della crema dei restauratori italiani. Al contrario, in Francia (ma non solo) è una vera e propria ecatombe di chiese ottocentesche, rase al suolo per far posto a condomini, parcheggi e sale “polifunzionali” nel nome del “facciamo cassa” e – forse – di quella guerra al passato che oramai da più parti è stata dichiarata apertamente.

Storia in Rete passa quindi a raccontarvi la storia delle reliquie cristiane, un culto che è molto più che folklore popolare ma rappresenta una potente via per la trascendenza. Che a volte viene anche imboccata da sfruttatori senza scrupoli…

Continua poi il botta-e-risposta sul presunto “bombardamento” di Messina da parte della Regia Marina all’indomani del terremoto del 1908. Davvero i cannoni delle navi italiane avrebbero aperto il fuoco sulle rovine della Città sullo Stretto?

E ancora: la curiosa (ma istruttiva) storia dell’assicurazione sulla vita di Umberto I e del tentativo della Repubblica di farsi consegnare da Londra il conto intestato a Vittorio Emanuele III; il pre-fascismo portoghese di Sidonio Rais, un regime che lo stesso Mussolini considerava un suo precursore; l’ossessione del fascismo ubiquo di Umberto Eco, una paranoia che può essere applicata indiscriminatamente a qualsiasi fenomeno storico; i lati nascosti di Claretta Petacci: alcune puntualizzazioni dopo certe volgari ilarità “satiriche” e i tentativi di “understatement” da parte di commentatori anche autorevoli.

Tutto questo e molto altro su Storia in Rete in edicola!!

GUARDA L’ANTEPRIMA DI STORIA IN RETE n. 148 149

COMPRA SUBITO LA TUA COPIA IN FORMATO PDF

TI SEI PERSO QUALCHE COSA? VEDI NELL’ARCHIVIO DEI NUMERI ARRETRATI

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.