Storia in Rete n. 153-154, luglio-agosto 2018

17 luglio

Altro che “espressione geografica”! Storia, antropologia, linguistica dimostrano che gli italiani esistono e da tanto tempo. Tanto che ogni tanto se ne accorgono pure loro stessi, come è successo col numero di “Limes” di maggio scorso, spunto da cui parte la copertina di “Storia in Rete” in edicola. Così tanti luoghi comuni si sciolgono come neve al sole: quello di essere un mix di razze, quello dell’Italia “creazione artificiale” ottocentesca, quello dei “dialetti vera lingua d’Italia”, e ovviamente la maldicenza di Metternich (e mal gliene incolse all’Austria dargli retta…).

Due articoli, quindi, su inizio e fine della dittatura fascista: quel 1928 quando il governo di Mussolini passò definitivamente dalla fase democratica al regime vero e proprio e il 1943, con i retroscena del 25 luglio così malamente ricostruiti in un recente – e fin troppo osannato – saggio.

Dal Fascismo al dopoguerra: il triste crepuscolo della monarchia – e dei monarchici – durante il lungo e dignitoso, ma sterile politicamente, esilio di Umberto II. Quindi il settantesimo anniversario dell’attentato a Palmiro Togliatti, una miccia bagnata che non accese alcuna polveriera, perché Stalin non voleva una seconda guerra civile in Italia.

E ancora, l’ultimo libro di Marco Valle – selezionato nella cinquina dei finalisti al Premio Acqui Storia – che racconta il lungo rapporto fra Italia e canale di Suez. Un’intervista all’autore e un estratto dal testo ci portano nella storia della via d’acqua che apre il Mediterraneo a oriente. E separa ancora una volta gli interessi italiani da quelli di Inghilterra e Francia…

In questo numero la rivista pubblica inoltre un ritratto di padre Marco d’Aviano – protagonista della diplomazia che salvò Vienna dalle armate turche nel 1683 – mentre uno sguardo alla cucina del tempo del Re Sole ci portano quindi nel nel XVII secolo. La storia economica è invece al centro di un’intervista a due accademici che hanno dedicato i loro studi all’analisi dell’andamento dei salari nell’Italia dell’Ottocento. Infine la figura di Zita d’Asburgo, ultima imperatrice d’Austria-Ungheria, testimone diretta della fine della duplice monarchia e dei suoi retroscena più segreti.

Tutto questo e molto altro su Storia in Rete di luglio-agosto!!

GUARDA L’ANTEPRIMA DI STORIA IN RETE n. 153-154

PREFERISCI LA VERSIONE IN PDF? CLICCA QUI!!

TI SEI PERSO QUALCHE COSA? VEDI NELL’ARCHIVIO DEI NUMERI ARRETRATI

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Un commento


  1. Avendo acquistato il numero di “Storia in Rete” in questione del luglio-agosto 2018, mi complimento con la redazione e direzione per i contenuti e per le ottime recensioni di Guglielmo Salotti, storico validissimo ed insuperato autore della migliore biografia su Nicola Bombacci edita più di 20 anni fa da Bonacci.

    Alessandro De Felice

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.