Buttafuoco: nessun PM insorse quando ad Ancona bloccarono la nave con gli esuli istriani

30 agosto

File:Pfo Toscana a Pola2.jpgChissà cosa avrebbe fatto Luigi Patronaggio, il magistrato di Agrigento che indaga su Matteo Salvini, quando degli italiani, al porto d’Ancona – riuscendo a non farla attraccare – bloccavano la nave di italiani in fuga dalle foibe. Non sappiamo cosa avrebbe fatto lui ma di certo – in quel tempo, in quell’Italia – non se ne trovò uno di procuratori della Repubblica pronto a schierare così la Costituzione più bella del mondo dalla parte di profughi inermi.

di Pietrangelo Buttafuoco da Il Tempo del 27 agosto 2018

Vuoi saperne di più? Leggi Storia in Rete n. 122-124!!

Nessuno, tantomeno un Pasolini, come oggi un Saviano – in quel tempo, in quell’Italia – osò schierarsi coi disperati e alla stazione di Bologna il treno che portava in salvo gli italiani d’Istria non si fermò perché la folla, radunata nel nome della Costituzione più bella del mondo, gettava sui binari il latte caldo portato dalla Croce Rossa pur di non farlo bere a chi scappava dalla guerra e dalle persecuzioni.

L’Italia è anche questa porcheria, di cui nessuno ha memoria, ma quelli che oggi fanno la morale a Salvini, eredi di quelli che bloccavano le navi ad Ancona e i treni a Bologna, almeno loro, questa storia, dovrebbero cominciare a raccontarsela. E magari si viene a scoprire cosa avrebbe fatto un Patronaggio in quel tempo, in quell’Italia. Chissà.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

2 commenti


  1. Allora come oggi gli italiani non si resero conto di quello che stava accadendo.

    Francesco Matteucci

  2. Qualcosa non mi torna…
    Il periodo del massacro delle foibe è tra il 43 e il 45.La costituzione del 47…quindi come poteva chiunque sventolare una cosa che ancora non c’era?

    Giuseppe

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.