A Roma il Festival Documentario Storico

20 febbraio

Roma, 12 feb. – (Adnkronos/Adnkronos Cultura) – Dall’antica Roma all’Italia degli anni ’70, dal Tempio di Adriano al Mose’ di Michelangelo, passando per il Rinascimento e il nazifascismo, un viaggio lungo duemila anni che il pubblico romano potra’ compiere, dal 18 al 20 febbraio, con il primo Festival del Documentario Storico di Roma. Infatti, la rassegna, pensata e voluta da Istituto Luce, Rai Educational e History Channel, ha l’obbiettivo di valorizzare patrimonio e personaggi storici visti e raccontati dai piu’ grandi documentaristi della storia con l’intento principale di realizzare un appuntamento fisso, a cadenza annuale.
Patrocinato dalla Presidenza della Repubblica, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal ministero dei Beni e le Attivita’ Culturali, dalla Regione Lazio, dalla Provincia e dal Comune di Roma, il Festival, presentato oggi al Tempio di Adriano (sede della Camera di Commercio di Roma), ha lo scopo di avvicinare il pubblico, in particolare i giovani, agli avvenimenti della nostra storia antica e recente, attraverso immagini e inedite ricostruzioni. La location principale scelta per la manifestazione e’ l’Auditorium della Conciliazione che ospitera’ l’incontro inaugurale, la sera del 18 febbraio, alla presenza delle autorita’, di personalita’ del mondo della cultura e di esperti della documentaristica internazionale, che si chiudera’ con l’esibizione del Premio Oscar Nicola Piovani. Nel corso della serata verra’ proiettato “Roma a tutto schermo”, un documentario di Raffaella Quagliarella sul tema della citta’ eterna. Il Nuovo Ciname Aquila, il Cineplex Gulliver, il Cinema Farnese e il Teatro Belli saranno le principali sedi della rassegna per il pubblico.

http:\\www.festivaldocumentariostorico.it

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.