Autoritratto di Hitler all’asta in Gran Bretagna

6 aprile

Un autoritratto ad acquerello di Adolf Hitler – realizzato nel 1910 quando il futuro dittatore aveva appena 21 anni – è una delle 13 opere di Hitler che verranno battute all’asta questo mese. Il piccolo ritratto è appena abbozzato e mostra un personaggio seduto su delle rocce su una cascata di un torrente, con una croce e le iniziali AH dipinte sopra di lui. Questo acquerello, assieme a tutte le altre opere di Hitler sono stati tenuti sotto chiave in deposito, fin dalla loro cattura alla fine della guerra. I dipinti rappresentano principalmente fiori e paesaggi pittoreschi, e sono stati autenticati dal ricercatore Peter Jahn.

Questi lavori, insieme ad altri reperti, sono stati trovati dal sergente maggiore Willie J. McKenna quando partecipò all’occupazione di Essen, in Germania, nel 1945 e poi sono stati venduti direttamente all’attuale possessore, che non ha rivelato la sua identità, e che li ha tenuti nascosti per decenni. Adesso saranno messe all’asta a Ludlow Shropshire da Ippodromo a Mullocks il 23 aprile con quotazioni previste in decine di migliaia di sterline. Altri autoritratti di Hitler sopravvissuti alla guerra sono rari: uno schizzo matita 1926 venduto per 1.050 sterline nel 1999 nel Lincolnshire settentrionale. L’esperto di documenti storici di Mullocks, Richard Westwood-Brookes, ha detto che “è a dir poco curioso come un artista, che in questa fase della sua vita aveva la passione per soggetti tranquilli e bucolici, potesse trasformarsi nel mostro è diventato in seguito la vita. Non c’è assolutamente niente qui per suggerire in che modo la sua mente possa poi essere poi cambiata.

Da un punto di vista strettamente artistico, si può vedere il motivo per cui Hitler non ha avuto esattamente successo nella sua carriera come artista. Questi sono nella migliore delle ipotesi lavori di un buon dilettante e alcuni potrebbero considerarsi addirittura degli schizzi grezzi”. I dipinti all’asta sono acquarelli che rappresentano un casolare con un tetto di paglia, famiglie in gita su un fiume e campagne con masserie, mentre altri studi sono colorati di grappoli di fiori. Hitler cercò di intraprendere la carriera d’artista con molta determinazione, ma fu respinto due volte dall’Accademia di Belle Arti di Vienna, nel 1907 e 1908, dopo essere stato giudicato inadatto alla pittura. Per sopravvivere in quel periodo a Vienna, Hitler ha fatto il copista e il coloritore di cartoline per i turisti.

L’autoritratto di Hitler, foto CATERS da www.telegraph.co.uk

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.