Dopo 200 anni ricompare il diario dell’egittologo Ricci

12 aprile

E’ stato ritrovato, dopo una ‘caccia’ di quasi 200 anni e dopo circa 80 dall’ultimo avvistamento, il giornale di viaggio di Alessandro Ricci, medico e pittore senese, primo italiano che a inizio Ottocento si avventurò in zone inesplorate di Egitto e Sudan raccontando luoghi e popoli sconosciuti. A darne notizia è il giornale dell’ Università di Pisa, spiegando che il merito del ritrovamento va al dottor Daniele Salvoldi che ne ha riscoperto una copia lavorando al progetto ‘Rosellini’ coordinato dalla professoressa Marilina Betrò del dipartimento di scienze storiche del mondo antico dell’Ateneo pisano.

da www.ansa.it  

Il progetto riguarda la spedizione franco-toscana del 1828-29 guidata dal pisano Ippolito Rosellini insieme a Jean-Francois Champollion che di fatto ha contrassegnato, dopo la prima decifrazione del geroglifico ad opera dello stesso Champollion nel 1822, la nascita della moderna egittologia. “Si tratta di un rinvenimento eccezionale per l’egittologia – spiega Betrò al giornale dell’Ateneo -: Ricci descrive e disegna siti che solo pochi anni dopo, al tempo della spedizione di Champollion e Rosellini a cui lui stesso partecipò, erano già andati distrutti. Ma accanto ai monumenti Ricci descrive gli usi e i costumi dei popoli che incontra, le tecniche di battaglia degli eserciti, la condizione delle donne e persino quella degli animali. Ora, a quasi due secoli di distanza la nostra intenzione è di poterlo finalmente pubblicare”.

Che il diario di Ricci esistesse era un fatto noto, ma le ultime notizie risalivano al 1930. Ricci visita l’Egitto dal 1817 al 1822: l’oasi di Siiwa, il monte Sinai, quindi va a sud, sino alla confluenza del Nilo azzurro con quello bianco, Khartum e il Sennar. Torna a Firenze nel 1822 e scrive le sue memorie con l’idea di farne un libro. Cinque anni dopo è a Parigi e, così riporta il giornale dell’Università, probabilmente pensando sempre a una possibile pubblicazione, dà il manoscritto a Champollion. Ma il progetto non va in porto. Nel 1832 muore Champollion, due anni dopo anche Ricci. Del suo diario e dei suoi disegni si sa solo che Rosellini nel 1836 ne richiede la restituzione dalla Francia, ma in Toscana non torna niente. Nel 1928 Ernesto Verrucci, architetto di re Fuad I dell’Egitto, trova il manoscritto in una libreria antiquaria al Cairo: lo compra e lo segnala allo storico dell’Egitto Angelo Sammarco, autore anche del volume “L’opera degli italiani nella formazione dell’Egitto moderno”. Sembra che lo stesso Sammarco voglia pubblicare l’opera completa di Ricci: nel 1930 esce un volume che contiene però solo i documenti e una breve ricostruzione della biografia di Ricci. Sammarco muore nel 1948 e le nuove ricerche del diario non danno risultati.

Inserito su www.storiainrete.com il 12 aprile 2009

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

4 commenti


  1. Molto interessante, Complimenti, desidererei conoscere il Diario che sarà utile per la mia ricerca.
    Con viva cordialità.

    Elio Nizzoli

    Elio Nizzoli

  2. Vorrei fare un complimento al Dottor Daniele Salvoldi e alla Professoressa Marilina Betro’che lavorando al progetto “Rosellini” dopo quasi 200 anni hanno trovato il Giornale di Viaggio di Alessandro Ricci.
    Vi sarei molto grato pagando,d’inviarmi copia del Giornale di Viaggio, ritrovato.
    Vi prego di scusarmi, e Vi invio i miei migliori saluti.

    Elio Nizzoli

    Nizzoli Elio

  3. Caro Elio, il Giornale di Viaggio non è edito da Storia in Rete! non possiamo aiutarla, purtroppo… :(

    emanuele

  4. Gentilissimo Signore
    Emanuele,
    scusi il ritardo, sono venuto a conoscenza in questo momento. La ringrazio moltissimo.
    Cordialmente, Elio Nizzoli

    Nizzoli Elio

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.