Ecco le lettere d’amore fra il Duce e la Sarfatti

8 giugno

E’ tornato alla luce un gruppo di 25 lettere autografe della scrittrice Margherita Sarfatti (1880-1961), databili al periodo 1922-23, indirizzate a Benito Mussolini, a cui fu legata sentimentalmente. Alcune lettere sono scritte su carta intestata ”Gerarchia”, la rivista mensile che l’ebrea Sarfatti aveva diretto affiancata da Mussolini, mentre le restanti sono vergate sulla carta degli hotel che gli amanti frequentarono per celare agli occhi del mondo la loro relazione, almeno fin quando assunse risvolti semi-pubblici dopo il trasferimento a Roma di Mussolini e la morte del marito Cesare nel 1924. L’inedito carteggio sara’ battuto all’asta dalla casa Bloomsbury a Roma, in Palazzo Colonna, martedi’ 16 giugno, con una stima che oscilla tra i 20.000 e i 25.000 euro.

Da ADNKRONOS 

Le lettere delineano un percorso in crescendo, dalle iniziali ritrosie fino alle scenate di gelosia, in una relazione considerata stabile e profonda. Margherita e Benito si erano conosciuti a Milano nel 1912, nei salotti che lei frequentava con disinvoltura e lui con assoluta goffezza e malcelato imbarazzo. Le lettere sentimentali che andranno all’asta rappresentano lo spaccato di una passione vorticosa.

Tra le missive della Sarfatti compare anche quello che puo’ essere considerato l’atto di nascita della loro relazione: ”Benito mio, mio adorato. E’ la mattina del 1 gennaio 1923. Voglio scrivere questa data per la prima volta in un foglio diretto a te, come una consacrazione e una dedicatoria. Benito mio adorato. Sono, saro’, sempre, per sempre tutta, di piu’ tua. Tua”.

In un’altra lettera successiva, Margherita si sente parte della ”milizia palese e segreta” di Mussolini, giurandogli di essere sua ”amica, donna, sposa”: ”mi giurai a te, signore e sposo, capo e amante; con fedelta’ assoluta e devozione di partigiani, di italiana, di cittadina, di madre, e di amante”. ”Sono orgogliosa di te, questo; ma per quello che sei, non per quello che appari. Sono orgogliosa di te sino al fanatismo e sino alla pazzia, ma per il tuo valore intrinseco, non per il feticismo che di te ha la folla”, aggiungeva Sarfatti.

Ma il tono delle lettere non e’ sempre cosi’ trasognato e idilliaco, a volte si passa all’accusa piu’ diretta: ”Le tue divine stregonerie mi hanno fatto brulicare il sangue di uno strano fermento”. Allusione a qualche genere di droga? ”Adorato, adorato, adorato: faro’ quello che tu vorrai. Sono tua. Tu non mi chiedere cosa che non sia compatibile con la mia dignita’ e il mio dovere, e con i diritti sacri, inviolabili, che altri esseri adorati, usciti da me, hanno su di me”. A quale richiesta ”immorale” si riferisce Margherita? Quale affronto alla sua dignita’ di donna e di madre stava per esserle perpetrato?

Qualcosa si scopre leggendo la missiva datata 30 gennaio 1923: ”Caro amico, la serie di scenate assurde, ignobili indegne, ma sopratutto idiote avvenute stasera mi ha lasciato perplessa, esasperata, disperata ma anche pensosa. Ho passato cinque dico bene 5 ore in casa vostra con qual vantaggio del mio decoro e della mia dignita’; taciamone: per ottenere di essere torturata con una serie di martirii stravaganti raffinati complicati; uno piu’ inaspettato e immeritato e piu’ fantastico dell’altro. Voi naturalmente ve ne infischiate: i dolori che voi causate agli altri son molto facili a sopportare. Da voi. Vi prego di non venirmi a prendere per colazione, ma di fissarmi un appuntamento per qualche ora a Palazzo Chigi o al mio albergo, a vostra scelta”.

Ma la lettera piu’ sentita e drammatica di Margherita, di ben 28 pagine, raccoglie il senso disperato e vano dell’amore con Mussolini: ”Sono stanca di amarti, stanca che tu ti faccia del mio amore un tappeto per calpestarlo. Tu sei un uomo estremamente sensitivo, ma fortissimo e, come tutti gli impetuosi, ”dai furori” e dopo ti passa. Io no. Io sono una natura lenta, una natura ”per di dentro”. Penetra a piano e senza reazioni esteriori apparenti in me il dolore, l’angoscia, la ribellione stessa; ma ahime’! penetrano a fondo, mi lasciano rotta, spezzata, con l’anima in pezzi, amara sino alla nausea e alla morte”.

Piu’ avanti la scrittrice accusa Benito di non rispettarla nemmeno in campo artistico, dove il suo indiscusso parere critico risultava per tutti di massima autorevolezza: ”Bella figura idiota ci hai fatto ad andare in pompa magna da quell’idiota di Bettinelli, il piu’ falso, cretino retorico pittore di Milano, e il piu’ ignoto degli ignoti. L’amore coniugale e famigliare sono bellissime cose per un privato, ma avresti potuto ricordarti che quando si e’ a Capo del Governo, le proprie espansioni ammirative devono essere dettate anche da criteri meno personali e piu’ severi. E poi parli di me!” Il congedo del loro amore, che non sara’ prima del 1938 a seguito delle leggi razziali, non e’ ancora nell’aria; sono ancora scaramucce tra innamorati, che si muovono tra perenni alti e bassi nello scenario di una vita vissuta davvero intensamente.

Inserito su www.storiainrete.com l’8 giugno 2009

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.