Immigrazione: ieri come oggi, è tutto uguale?

20 luglio

E’ possibile paragonare l’emigrazione italiana che fra Ottocento e Novecento è andata a verso i vasti e sottopopolati Paesi del continente americano con le ondate migratorie che oggi premono sulle nostre coste? La divulgazione storico-giornalistica spesso e volentieri glissa sulle fin troppo marcate differenze che esistono fra ieri e oggi, differenze di ordine demografico, culturale e organizzativo ponendo l’accento più sul sentimento e sul sensazionalismo che non sui reali dati e sui fatti storici.

Storia in Rete intende iniziare un dibattito su questo argomento che unisce la storia italiana con l’attualità, cominciando col lungo articolo di Paolo Sidoni (GUARDA L’ANTEPRIMA) pubblicato sul numero 44, attualmente in edicola.

Ai lettori chiediamo di esprimere la propria opinione, votando nel sondaggio in homepage e scrivendo i propri commenti in questa pagina.

Come “sasso nello stagno” intanto riproduciamo questo articolo dell’antropologa Ida Magli, tratto dal sito ItalianiLiberi

Ci vogliono morti

di Ida Magli

Non esistono “società” multietniche. Quale che sia la buona fede o l’ingenuità di coloro che si affannano in questi giorni ad affermare il contrario, una società multietnica non può esistere perché una “società” non è data dalla somma di singoli individui, ma dal loro appartenere e vivere in una “cultura”. Ogni cultura possiede una sua “forma”, creata dalle particolari caratteristiche che distinguono un popolo dall’altro e che si manifestano nella diversa visione del mondo, nella diversa sensibilità nei confronti della natura, nella diversità delle lingue, delle religioni, delle arti, dei costumi, dei sentimenti. Ciò che mantiene in vita una cultura è la “personalità di base” del popolo che l’ha creata, quel particolare insieme di comportamenti che ci fa dire con molta semplicità: gli Inglesi sono fatti così, gli Americani sono fatti così, gli Spagnoli sono fatti così, e che ci permette di riconoscere immediatamente, anche senza conoscere il nome dell’autore, come “tedesca” una sinfonia di Wagner e come ”italiana” una sinfonia di Rossini. La diversità delle culture costituisce la maggiore ricchezza della storia umana.

Ma le culture muoiono. La storia ci dimostra che anche le più forti, le più ricche, le più potenti, ad un certo punto spariscono e non sempre perché distrutte da conquistatori di guerra. E’ sparita quella straordinaria dell’Antico Egitto di cui ci rimane, oltre all’immensa ammirazione per le piramidi, anche la consapevolezza di essere talmente diversi da non sapere come abbiano fatto a costruirle; è sparita quella di Omero, di Fidia, della cui morte non riuscivano a darsi pace prima di tutto i Romani che hanno fatto l’impossibile per conservarla in vita (perfino parlando il greco fra loro), ma in seguito innumerevoli pensatori, poeti, artisti d’Occidente così che ad un certo punto Hegel ha perso la pazienza e gli ha gridato in faccia brutalmente l’unica risposta: “ Laddove un tempo il sole splendeva sui Greci, oggi splende sui Turchi, dunque smettetela di affannarvi e non ci pensate più! ” E’ così, infatti: sono gli uomini i creatori e portatori di una cultura; non appena sopraggiungono altri uomini, portatori di un’altra personalità di base, di un’altra cultura, quella invasa deperisce e muore. Non è necessario neanche che gli invasori siano numericamente in maggioranza: l’invasore è sempre il più forte per il fatto stesso che è riuscito ad impadronirsi del territorio di un altro e che si aggrappa, molto più che a casa propria, ai costumi, ai cibi, ai riti, alla religione della sua cultura nel timore di perdere la propria identità.

Chiunque neghi questo, nega agli esseri umani, invasori o invasi che siano, ciò che li contraddistingue come “uomini”, riducendone i bisogni e gli scopi alla sopravvivenza biologica. “Non di solo pane vive l’uomo”. La Conferenza episcopale italiana sembra essersene dimenticata e tocca a noi, Italiani, e convinti che la nostra “cultura” debba essere salvaguardata, come e più delle altre, anche per tutto quello che contiene della bellezza del messaggio evangelico, domandare ai Vescovi se non sia il caso che essi si interroghino, prima di tutto su che cosa significhi per loro definirsi “italiani”, e poi su quale sarà il prossimo (vicinissimo) futuro del cristianesimo in Italia. Riteniamo anche che tocchi a noi, proprio perché laici e convinti che la libertà del pensiero sia il patrimonio irrinunciabile dell’Occidente, difendere il messaggio di Gesù dal tentativo sempre più pressante, e tragicamente traditore, di ridurlo ad una variante dell’Antico Testamento e, di conseguenza, anche dell’islamismo. Senza la ribellione di Gesù alla mentalità normativa e tabuistica dell’ebraismo, senza la forza del suo comando: “La vostra parola sia: sì sì, no no”, così simile all’assoluto valore riposto dai Romani nella propria parola, i suoi seguaci non avrebbero capito che il destino del cristianesimo era Roma. A questo punto gli Italiani non vorrebbero essere costretti a ricordarsi che sono stati sempre i Papi a chiamare gli stranieri in Italia.

E la sinistra? Strano a dirsi, si comporta più o meno come la Chiesa. Cosa pensa di fare degli Italiani, della cultura italiana, quella sinistra che per tanti anni è stata l’unica forza politica a interessarsi di antropologia, a pubblicare Lévi-Strauss, Malinowski, Foucault, Leroi-Gourhan? Perché adesso tace di fronte alla morte della cultura italiana, dopo aver tanto pianto sulla morte delle culture primitive? Perché ci odia? Perché non fa per gli immigrati l’ unica cosa giusta e che sarebbe in grado di fare molto meglio degli altri partiti, ossia aiutarli a rimanere nel proprio paese? Non è iscrivendoli all’anagrafe come “italiani” che gli stranieri creeranno le melodie di Monteverdi o di Puccini, dipingeranno le Madonne di Raffaello o di Mantegna, scriveranno i versi di Petrarca o di Leopardi.

Né si dica che gli stranieri servono a combattere il decremento demografico. Gli Italiani fanno pochi figli per tre motivi principali. Il primo: siamo troppi per l’estensione del nostro territorio (260 abitanti per km.quadrato contro, per esempio, i 22 abitanti per km. quadrato degli Stati Uniti), senza tener conto del fatto che la maggior parte del territorio italiano è formata da montagne. La natura segue le sue leggi di sopravvivenza e, a causa dell’eccessiva densità, fa diminuire la prolificità. Non può sapere che i politici lavorano contro le sue leggi, col risultato che più gente entra, più la natura cerca di far diminuire gli abitanti, ossia gli Italiani dato che è nell’interesse degli immigrati fare più figli che possono per diventare maggioranza. Il secondo motivo consiste proprio nel senso di condanna a morte che si respira nell’aria. Non c’è bisogno di spiegazioni antropologiche: la gente sente benissimo di essere assediata e che non le è permesso neanche il più piccolo gesto di difesa. A che pro fare figli se non servono a conservare ciò che è italiano? Infine, il terzo motivo: la difficoltà concreta di provvedere ai figli. Sono state sempre le donne, prima del femminismo e del loro inserimento nel lavoro, ad assistere i malati, i bambini, i vecchi: è il cambiamento totale della vita quotidiana della società che avrebbe dovuto comportare anche il cambiamento totale della sua organizzazione, cosa che invece non è stata fatta. Questo problema sarebbe risolvibile soltanto se tutte le forze, il denaro, gli interessi della nazione fossero concentrati, non sull’immigrazione, ma sui bisogni della sussistenza fisica degli Italiani, dei bambini, delle madri, delle famiglie. Ma non è così. Quel poco che ha fatto il governo Berlusconi, è soltanto un segno di buona volontà, non ciò che sarebbe necessario: una nuova organizzazione impegnata psicologicamente ed economicamente a far nascere molti italiani. E soprattutto, al di là delle cose concrete: cominciare a far sentire agli Italiani che qualcuno li ama e vuole che essi vivano.

Ida Magli

Roma, 14 Maggio 2009

________________________________________________________________

inserito su www.storiainrete.com il 17 giugno 2009

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

6 commenti


  1. credo che sia un discorso saggio e scentificamente corretto anche se stenterei a dare una prognosi al fenomeno. Esso fa parte di un percorso evolutivo del mondo. nel senso che il mondo globalizzato tende a cancellare le odierne barriere culturali. la società che andrà ad evolversi sarà formata magaroi da culture diverse. alla visione un pò pessimistica o ipotetica appongo una visione di una società multi culturale. non credo che le religioni non possano convivere pacificamente. daltronde se si vuole fare un quadro si usano diversi colori. auspico in ultima istanza che i pregiudizi vengano sostituiti da una visione meno faziosa ed ideologica

    iacopino stefano

  2. Vivendo tutti i giorni il fenomeno migratorio, infatti lavoro in prefettura…l’approccio di questo articolo mi sembra puramente ideologico. Non tanto per le considerazione, anche vere, di differenze oggettive tra la migrazione italiana e quella attuale, ma soprattutto per l’approccio…quale cultura tra la nostra e le altre è la migliore? Sulla base di quale “illuminata” verità storica…la nostra civiltà è migliore delle altre? Sinceramente ogni giorno vedo poveri disperati in cerca di un mondo migliore…forse la ricerca di esistenza più dignitosa è sintomo di culture sottosviluppate? Lei dimentica che le nostre civiltà occidentali “troneggiano” nel mondo sulla base dello sfruttamente delle risorse economiche di tanti paesi sottosviluppati…lei dimentica che tantissi contadini vengono nel mondo espropiati della propria terra a vantaggio delle multinazionali. In ultima analisi vorrei sapere in base a quale principio bisogna far nascere i bambini “italiani”…vi è seriamente una differenza strutturale tra bambini italiani o non…forse è più facile in base al suo ragionamento…eliminare gli altri…

    Enrico

  3. Mi chiedo sempre più spesso se gli italiani odierni “sentano” il senso di appartenenza…giustamente una cultura può estinguersi senza subire un’ invasione , mi pare che la questione stia volvendo in questo senso. Naturalmente qualcuno per tornaconto politico attribuisce ai soliti disgraziati della terra il pericolo di annientamento della propria identità, secondo me già compromessa senza “aiutini esterni”

    giovanni

  4. Sarebbe molto simile se quella attuale non fosse un`immigrazione islamica.La maggior parte degli islamici non intendono assolutamente integrarsi nel nostro paese, in Europa, non vogliono entrare a far parte del sistema cosi` com`e`..usano le nostre liberta` le nostre leggi per crearsi spazi da usare per modificare le nostre societa` secondo le loro leggi e le loro tradizioni.
    Purtroppo queste sono del tutto incompatibili con l`evoluta civilta` occidentale e purtroppo un Europa che rinnega se stessa e la propria storia non e` in grado di fornire risposte adeguate.
    Al contrario l`immigrazione di sud americani,filippini, gente dell`est europa e` uguale(per quanto si possa dire cosi` riferito a periodi storici diversi) all`immigrazione messicana e latinos in generale in America e alla nostra agli inizi del secolo

    Neoconservatore

  5. Premetto che non sono leghista, non credo nelle “superiorità di razza”, conosco e frequento diversi immigrati, non temo di più l’attuale Islam di quanto – ipoteticamente – avrei temuto Paolo di Tarso nel I sec. d.C. Sgrombato il campo dagli equivoci…
    Da qualche tempo rifletto sul tema proposto e mi pare assurdo che politici, giornalisti, opinionisti vari continuino a dire: “Bisogna accogliere gli immigrati perché lo siamo stati anche noi”. Discorso che può avere al massimo un valore morale, ma non ha alcun senso, alcun fondamento sociologico, storico e nemmeno politico. Che vuol dire? Il fatto che i nostri bisnonni e nonni siano andati in Belgio, Argentina, Stati Uniti cancella forse gli immensi problemi posti dall’immigrazione – questa immigrazione – all’Italia e all’Europa? E il fattore della densità di popolazione indicato dalla Magli è solo il più evidente, perché il più “positivo” (= riscontrabile con dati oggettivi e misurazioni).
    Di fronte all’impellenza dei problemi quelle parole sono solo una baggianata buonista, un luogo comune raccattato e riciclato in qualche “minestra” proprio da chi – politici, giornalisti, analisti – dovrebbe viceversa FARE opinione, cioè spiegarci, aiutarci a capire e a trovare soluzioni.

    Damiano

  6. Sono pienamente d’accordo mi è stato utilissimo

    Lunetta

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.