Benedetto XVI: “i resti nella tomba di Paolo sono veri”

16 luglio

Annunciati direttamente dal Pontefice, il 29 giugno scorso sono stati divulgati i risultati della prima ricognizione nella tomba di San Paolo, sotto l’omonima basilica romana. Le analisi e i reperti trovati (frammenti d’ossa, grani d’incenso, un lino laminato d’oro) hanno confermato – ha proclamato Benedetto XVI – la tradizione religiosa di quasi 20 secoli. Tradizione secondo la quale, proprio in quel sarcofago, vengono venerati i resti dell’apostolo delle genti. “Nel sarcofago che non è mai stato aperto in tanti secoli – ha raccontato il Pontefice – è stata praticata una piccolissima perforazione per introdurre una speciale sonda. Inoltre – ha proseguito – piccolissimi frammenti ossei, sottoposti all’esame del carbonio 14 da parte di esperti ignari della loro provenienza, sono risultati appartenere a persona vissuta tra il primo e il secondo secolo”. “Ciò – ha concluso – sembra confermare l’unanime e incontrastata tradizione che si tratti dei resti mortali dell’apostolo Paolo”. Gli Atti degli Apostoli narrano che Paolo fu catturato, su accusa dei giudei a Gerusalemme, a metà del I secolo. In quanto cittadino romano, chiese di essere giudicato a Roma, dove arrivò nel 60-62. San Paolo fu probabilmente liberato e poi arrestato nuovamente: il suo martirio avvenne per decapitazione, come si usava con i cittadini romani, verso il 66-67 sulla via Laurentina, in un posto chiamato allora “le tre taverne” e divenuto oggi “le tre fontane”. Fu sepolto sulla via Ostiense, verosimilmente dove sorge la Basilica di San Paolo Fuori le Mura.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.