I misteri della “Primavera” del Botticelli

14 settembre

Immagine anteprima YouTube

Simonetta Cattaneo è un nome che non dice nulla ai più. Eppure basta vedere per un attimo la Primavera o la Nascita di Venere di Botticelli per far capire anche ai profani di chi si parla. Della giovane genovese, del resto, si parlò molto a Firenze intorno al 1475: musa e modella di molti artisti, Simonetta che aveva sposato un Vespucci era lamante di Giuliano deMedici il fratello più giovane di Lorenzo il Magnifico. Ma dietro il dipinto più famoso di Botticelli si celano altre informazioni. Ma son state celate così bene che nel tempo le interpretazioni si sono moltiplicate dando però tutte modo di capire cosa significasse dipingere nel Rinascimento: unepoca in cui larte richiamava di continuo non solo la cultura ma anche cronaca e politica del tempo.

_____________________________________

Simonetta Cattaneo is a name which doesnt sound familiar but just look at Botticellis Spring or The Birth of Venus for a moment and youll realize who were talking about! This young lady from Genoa was the talk of Florence around 1475. Both muse and model for many artists Simonetta who had married a Vespucci was the mistress of Giuliano de’ Medici, Lorenzo the Magnificents younger brother. However in Botticellis masterpieces there is more than meets the eye. But these secrets are so well hidden that over the centuries many different interpretations have developed. What emerges is what it was like to paint during the Renaissance, an age in which art called not only upon culture but also the news and politics of the day.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Un commento


  1. Nei vari dipinti non sembra sempre la stessa persona. Talvolta bellissima e talvolta quasi bruttina. Chi potrebbe chiarire?

    Lisa

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.