Il dramma di Mayerling e Rodolfo d’Asburgo

14 settembre

Immagine anteprima YouTube

Chi era davvero Rodolfo d’Asburgo? L’erede al trono d’Austria-Ungheria, figlio di Francesco Giuseppe e Sissi è morto, trentenne, insieme ad una giovane amante, in circostanze mai del tutto chiarite nel casino di caccia di Mayerling all’alba del 30 gennaio 1889. La versione ufficiale – pur tra mille dubbi anche dei contemporanei – ha sempre sostenuto la tesi del suicidio eppure, soprattutto negli ultimi anni, le ricerche storiche hanno portato alla scoperta di nuovi elementi, utili a sostenere l’ipotesi del duplice omicidio. Un omicidio nato all’epilogo di un complesso complotto internazionale organizzato tra Parigi e Vienna e teso a portare alla svelta sul trono Rodolfo per metter fine alla politica filo-tedesca del padre. Ma quel progetto non aveva fatto i conti con due fattori: la fragilità psicologica di Rodolfo e gli efficienti servizi segreti della Germania di Bismarck e Guglielmo II…

_____________________________

Who was Rudolf of Hapsburg exactly? The heir to the throne of Austria and Hungary, the son of Franz Josef and Sissy, died at the age of thirty alongside his young mistress in shady circumstances in his hunting lodge at Mayerling on the 30th of January 1889. The official version – despite contemporaries’ doubts – was that of suicide and yet, especially in recent years, historical research has revealed new elements that suggest the possibility of a double homicide. This homicide was an epilogue to a complex, international plot organized between Paris and Vienna in order to place Rudolf on the throne as quickly as possible to put an end to his father’s pro-German policies. However this project hadn’t taken two things into account: first Rudolf’s psychological fragility and then the extreme efficiency of Bismarck and William the Second’s German secret services…

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.