Cipro: ricordato nei francobolli il dominio veneziano

15 settembre

Nicosia continua a guardare al proprio passato con la serie “Cipro attraverso i tempi”, otto francobolli da 43 centesimi cadauno che richiamano fra l’altro i secoli d’oro della Serenissima, quando quest’ultima dominava su buona parte del Mediterraneo. Il riferimento è nei due tagli in cui si citano da una parte il passaggio, avvenuto nel 1489 con Caterina Cornaro, dell’isola sotto il dominio della Repubblica (in cambio la regina ottenne la signoria su Asolo), e dall’altro le mura difensive ideate per la stessa Nicosia dall’architetto militare Giulio Savorgnan. La fortezza cedette all’assalto turco nel 1570, mentre le ultime forze veneziane e greche resistettero ad un epico assedio a Famagosta, al termine del quale – venendo meno ai patti – il visir turco fece scorticare vivo il capitano veneziano Marc’Antonio Bragadin. L’eroico comandante morì fra atroci dolori, rifiutando di abiurare la fede in Cristo.

___________________________

Inserito il 15 settembre 2009

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.