La Gioconda? Erano due. E l’altra era nuda

16 novembre

L’enigma della vera identità della Gioconda continua a turbare i sonni di storici dell’arte, scienziati e semplici appassionati. L’ultima ipotesi in ordine di tempo è stata formulata dall’ esperto di , già autore di studi sulla controversa opera di Leonardo, nel saggio «Il velo della Gioconda. Leonardo segreto».

.

da Blitz Quotidiano

.

Secondo Manetti, Leonardo ritrasse due versioni della Gioconda, una delle quali appariva nuda e sarebbe andata scomparsa. I due ritratti di avrebbero dovuto costituire un dittico dedicato a Venere.

«Anche se il dipinto è andato perduto», spiega Manetti, «esistono almeno una decina tra riproduzioni e opere di analogo soggetto, eseguite da allievi e discepoli, che ci permettono di ricostruire l’originale». In effetti un dipinto – straordinariamente somigliante all’originale – come la Monna Vanna del Salaino, allievo di Leonardo, dai rilievi spettrografici risulta realizzato a quattro mani, con il contributo decisivo del genio fiorentino.

Il dipinto andato perduto – sempre secondo Manetti – appartiene al periodo romano di Leonardo: quegli anni furono segnati dagli studi esoterici ispirati alla filosofia neo-platonica.  Rappresenterebbero quindi, secondo quella dottrina, l’aspetto duale della divinità, quella «celeste» e quella «volgare», a loro volta simboli di due diversi aspetti dell’anima umana.

___________________________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 16 novembre 2009

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.