Le molte morti del Conte Cagliostro

7 gennaio

Immagine anteprima YouTube

A San Leo, nelle Marche, in quello che fu il Ducato di Urbino, ogni anno migliaia di turisti visitano la piccola cella dove trascorse i suoi ultimi anni il più incredibile ed enigmatico avventuriero del Settecento: il Conte di Cagliostro. Dopo aver attraversato l’Europa, tra alterne vicende che lo portarono in carcere e alla corte di più di un re, Cagliostro arriva a Roma dove la moglie Serafina lo denuncia all’Inquisizione. Accusato di eresia e truffa, violenze e furti, Cagliostro non ha scampo: condannato al carcere a vita e rinchiuso a San Leo ingaggia una disperata lotta con i suoi carcerieri per non impazzire. Tentò la fuga? Probabilmente sì, e più volte. Con quali esiti? In linea col personaggio soprattutto gli ultimi mesi di carcere sono avvolti nel mistero. Da cui, nel tempo, sono filtrate alcune “verità” alternative alla versione ufficiale. Persone insospettabili e con buone fonti in Vaticano dissero che era fuggito oppure che era stato giustiziato in gran segreto per l’omicidio di un carceriere. Ma anche il luogo della sua sepoltura e le vicende delle sue spoglie dopo la morte rivelano delle sorprese…

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

2 commenti


  1. fate altri video, grazie.

    Lorenzo

  2. San Leo non è più nelle Marche, ma dopo un referendum ha ottenuto, insieme ad altri 7 comuni delle Marche siti in Valmarecchia, di essere aggregati alla regione Emilia Romagna.

    Stefano

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.