Turismo e scuola, occasioni mancate

9 gennaio

Due settori strategici, per l’economia e la formazione,
potrebbero essere i volani per lo sviluppo di un’industria
che in Italia latita: quella del documentario storico-culturale.
E invece si lasciano alle società straniere tutti gli spazi. L’Italia
compra a scatola chiusa prodotti esteri (spesso tutt’altro
che ineccepibili e comunque raramente dedicati alla nostra
storia e cultura) per la TV e per i bookshop dei musei dove ogni
anno transitano milioni di visitatori. Compresi molti studenti
che non perdono occasione di rivelare le proprie carenze
di Fabio Andriola

Due settori strategici, per l’economia e la formazione, potrebbero essere i volani per lo sviluppo di un’industria che in Italia latita: quella del documentario storico-culturale. E invece si lasciano alle società straniere tutti gli spazi. L’Italia compra a scatola chiusa prodotti esteri (spesso tutt’altro che ineccepibili e comunque raramente dedicati alla nostra storia e cultura) per la TV e per i bookshop dei musei dove ogni anno transitano milioni di visitatori. Compresi molti studenti che non perdono occasione di rivelare le proprie carenze

di Fabio Andriola

SCARICA L’ARTICOLO IN PDF – DA STORIA IN RETE N° 41 DEL MARZO 2009

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.