“Pensare 2010” a Mirandola si parla del corpo dell’uomo

29 marzo

E’ già stato definito il programma della quinta edizione di “Pensare”, il convegno-festival culturale che il Centro Internazionale di Cultura “Giovanni Pico” (www.picodellamirandola.it) organizzerà e promuoverà all’interno del restaurato Castello dei Pico (www.castellopico.it) sabato 10 e domenica 11 aprile a Mirandola, battagliera e importante cittadina ducale sul confine emiliano-lombardo che esattamente trecento anni or sono, il 15 luglio 1710, perse la propria sovranità e l’indipendenza a favore degli Estensi di Modena in forza di un editto imperiale. La manifestazione, i cui relatori e la cui portata degli interventi nulla hanno da invidiare alle analoghe manifestazioni monodisciplinari che si svolgono ogni anno a Modena (filosofia), Mantova (letteratura), Gorizia (storia), Piacenza (diritto) e Trento (economia), avrà per tema il “corpo”, inteso in una molteplicità di significati, stati e di situazioni che interessano tutto il campo del sapere in un’ottica di polisemia. Il concetto, anzi “i concetti”, di corpo verranno dunque sviscerati da Piero Boitani, Giovanni Filoramo, Farian Sabahi, Vittorio Sironi, Francesco Remotti, Paolo Sorcinelli, Paolo Santonastaso, Franco Rella e Marco Bussagli in un’antologia di lezioni magistrali che interesseranno letteratura e antropologia, storia e psichiatria, medicina ed estetica, storia dell’arte e religioni, a tutto beneficio del numeroso pubblico, degli insegnanti di scuola media superiore e dei giornali.

Guarda la locandina di “Pensare il corpo 2010”

Leggi il programma di “Pensare il corpo 2010”

___________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 29 marzo 2010

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.