Storia in Rete su La7 con Federico II da Montefeltro e Giovanni dalle Bande Nere

6 aprile

La trasmissione «Atlantide» (La7, ore 16,05) il 7 aprile 2010 farà un’intera puntata con due documentari firmati «Storia In Rete»: «Il Gran Diavolo: vita e morte di Giovanni dalle Bande Nere» e «Il segreto di Federico II da Montefeltro». Due profili di due grandi capitani di ventura del Rinascimento italiano: il documentario su Giovanni dalle Bande Nere (1498-1526) è inedito e viene mandato in onda per la prima volta. Si tratta di un profilo di un grande militare e di un membro anomalo di Casa Medici, poco attento alle arti e alla cultura ma destinato a lasciare un segno indelebile nella storia militare e politica del suo tempo nonostante una morte improvvisa e sospetta cui il documentario dedica molto spazio con una pista poco nota che lascia spazio all’ipotesi di un complotto, sospettato già al tempo ma che solo di recente grazie a nuove scoperte ha trovato nuove prove a sostegno. Il documentario su Federico II da Montefeltro invece – in replica per la seconda volta su La7 – racconta la vita di questo capitano di ventura (1422-1482) quasi invincibile ma allo stesso tempo raffinato mecenate appassionato di arte e lettere. Amava circondarsi dei più grandi artisti del suo tempo (su tutti Piero della Francesca, cui dobbiamo anche un ritratto oggi conservato agli Uffizi) e ci ha lasciato un capolavoro come il Palazzo Ducale di Urbino. All’interno del quale è conservato uno dei dipinti più enigmatici di tutti i tempi: la “Flagellazione” di Piero della Francesca. Un dipinto su cui gli storici dell’arte hanno varie teorie, tutte molto suggestive. Di questo documentario è possibile vedere un promo a questo indirizzo:http://www.storiainrete.com/2008/10/il-segreto-di-federico-da-montefeltro/

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.