Ricostituiamo il 4 novembre come Festa Nazionale Italiana

11 settembre

Gli italiani scendono in piazza per molti motivi. Soprattutto per le cause – spesso giuste e sacrosante – di altri popoli e paesi. Forse è il momento di cambiare. Forse è il momento che gli italiani sentano il diritto di scendere in piazza anche per loro stessi, per la loro storia, per il loro orgoglio.

 

Novant’anni fa, il 4 novembre 1918, un’altra Italia si rialzava in piedi dopo il disastro di Caporetto. Si rialzava e vinceva una guerra, la più spaventosa guerra che fino ad allora il mondo avesse visto. Una guerra vinta non contro altri italiani ma contro un altro Stato che da secoli dominava importanti regioni e che impediva il compimento del processo unitario iniziato con la Prima guerra di Indipendenza nel 1848. Oggi nell’Italia delle mille crisi e delle mille emergenze, sommersa dall’immondizia e dallo sconforto, sembra quasi una leggenda. E’ storia, invece.

 

Allora ripartiamo da là. Ripartiamo proprio dal 4 novembre. Ripartiamo chiedendo agli italiani – per una volta – di scendere in piazza per loro stessi, e ripartiamo chiedendo al Presidente della Repubblica e al ministro della Difesa di restituire al popolo italiano la festa del 4 novembre.

 

Un festa solenne, corale, condivisa. La festa di tutto il popolo italiano. Delle sue Forze Armate, che il 4 novembre 1918 conquistarono la Vittoria, ma anche del popolo che lavorò e soffrì coi suoi soldati. La festa dell’orgoglio di una nazione che non fu messa in ginocchio, ma seppe riscattarsi e imporsi all’ammirazione del mondo. Una festa per una bandiera che l’unica per tutti: il Tricolore.

Storia in Rete lancia da queste pagine un’appello per chiedere la ricostituzione della Festa del 4 Novembre, non solo festa delle Forze Armate, ma festa dell’Unità e dell’Orgoglio nazionale.

Chiediamo ai nostri lettori di sottoscrivere e diffondere questa iniziativa liccando su questo link

Proprio in questi giorni tutta l’Italia discute sulla mancanza di valori, di una cultura condivisa, di fiducia nel futuro. Tutti si interrogano su cosa fare, dove guardare.

La risposta è sotto gli occhi di tutti: RIVALUTIAMO LA NOSTRA STORIA! Una grande vittoria, il sacrificio di milioni di soldati – fra cui settecentomila sono caduti -, l’impegno di tutta la nazione affinchè la guerra giungesse ad una conclusione vittoriosa. Eppoi, oggi, possiamo anche celebrare tutto questo conciliati con gli ex nemici di allora, nella consapevolezza che valore, sacrificio e coraggio sono valori universali che uniscono e non dividono.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

17 commenti


  1. La nostra italia dovrebbe fare oiù cose oer l`ìtaliani che sono all`estero non soltano quei pochi che sono sempre nel circolo del consolato. Che quelli che non frequentano tutti i giorni il medesimo, non sanno cosa succede nell`interno di lui e nemmeno quando viene l`epoca della elezioni non si sa niente. Magari una publicazione a quelli iscritti, un giornalino sarebbe meglio.

    Rosanna Doimi Maretti

  2. Il 4 novembre, giorno anche del mio onomastico, il mio fratello maggiore mi portava a visitare la caserma Pastrengo di Roma. Mi piaceva farlo ma solo molti anni dopo, quando ho iniziato a documentarmi da sola, ho capito l’importanza storica di quella data. Purtroppo oggi i miei figli credo che ignorino gran parte della nostra storia nonostante abbiano studiato molto più di me.

    Carla Garcea

  3. Segnalo un articolo uscito il 29 ottobre e che riferisce di alcune “maestre” (virgolette d’obbligo)del padovano che non porteranno i loro alunni alle manifestazioni per il 4 novembre. Che schifo…!

    Vietato il 4 Novembre: “Umilia le minoranze”
    di Paolo Beltramin (da “Il Giornale” del 29 ottobre 2008)

    Le maestre di una scuola padovana: “Non portiamo i bambini alla cerimonia in piazza”. Il motivo? L’alzabandiera può urtare la sensibilità degli immigrati. Il dirigente provinciale: “Decisione assurda, ma non posso farci nulla”
    Cari maestri, non raccontate ai bambini cosa fu la Prima guerra mondiale: le minoranze potrebbero sentirsi discriminate. L’ultimo reduce della Grande guerra, Delfino Borroni, se ne è andato la scorsa domenica a 110 anni, dopo una vita passata ad aggiustare biciclette. Adesso non è rimasto più nessuno, di quei tre milioni e 760mila soldati in trincea. Per ottenere un’onorificenza i superstiti dovettero attendere il 1968, esattamente 50 anni dopo l’armistizio firmato a Villa Giusti. Otto chilometri più a est, a Villafranca Padovana, gli insegnanti adesso hanno deciso di non mandare gli alunni alla commemorazione del 4 novembre, festa della vittoria e soprattutto ricordo delle vittime. Il motivo? «La scuola deve tutelare le minoranze».

    L’istituto comprensivo di Villafranca Padovana, 800 studenti tra elementari e medie, non ha spiegato al Comune quali sono le minoranze che si sentirebbero offese, di fronte al rito civile dell’alzabandiera e alla deposizione di una corona di fiori davanti al monumento ai caduti. Forse i bimbi con le lentiggini? Forse i più grassottelli, o i più magri? Oppure, visto che va tanto di moda, gli immigrati? «L’ultima ipotesi è la più assurda di tutte – spiega il sindaco, Beatrice Piovan –. Qui a Villafranca, diecimila abitanti, gli extracomunitari sono meno del 4 per cento, e sono perfettamente integrati. Molti di loro il giorno della cerimonia saranno in piazza, come ogni anno». Ma la ragione più profonda è un’altra, banale, verrebbe da dire «scontata». Però scontata, evidentemente, oggi non lo è più. «La memoria collettiva è il fondamento di ogni Paese – continua il sindaco –. Chi vive nel nostro territorio, per un anno o per tutta la vita, bianco o nero, ateo cristiano o musulmano, deve conoscere la nostra storia, anche tragica, e rispettarla».
    La direttrice, Maria Grazia Bollettin, non parla coi giornalisti. Peccato, sarebbe interessante chiederle cosa c’è di razzista nell’inchinarsi alla memoria delle migliaia di morti senza nome seppelliti nel fango sull’altopiano di Asiago, o dei più fortunati arrivati fino al sacrario di Redipuglia. Oppure sapere chi offenderà, il 4 novembre, il capo dello Stato, quando visiterà Vittorio Veneto, il paese dove è terminata la carneficina. Il dirigente scolastico provinciale, cioè il responsabile amministrativo di tutte le scuole pubbliche della Provincia di Padova, intervistato dal Gazzettino se l’è cavata così: «Questa decisione è profondamente sbagliata, ma noi non possiamo far nulla. Ogni scuola ha il potere di decidere a quali cerimonie partecipare e a quali no».

    Lo scorso 9 maggio 25 chilometri a sud, nel piccolo comune di Teolo, alla tradizionale «festa dello sport» la preside aveva portato via dalla piazza tutti i bambini perché il parroco aveva iniziato a recitare il Padre Nostro. «Se volete fatelo voi, ma non mettetemi in difficoltà», aveva urlato al sindaco prima di andarsene, davanti a tutti i bimbi in fila. Nel Veneto bianco, arcaico e conservatore, è arrivata una strana versione di multiculturalismo. Vietato pregare, vietato guardare i soldati che alzano la bandiera tricolore: i bambini potrebbero restare traumatizzati.

    Non tutti a Villafranca Padovana la pensano così. Una minoranza di insegnanti ha deciso di portare comunque i bimbi in piazza. Un centinaio, su ottocento. «Io spero che tanti genitori decideranno di portare i figli alla cerimonia, invece che in classe – conclude il sindaco –. Sarebbe una lezione importante. A scuola evidentemente certe cose non si insegnano più, ma l’Italia non è solo la squadra di calcio che ha vinto i Mondiali».

    Giovanni G.

  4. Si certo
    ripartiamo da sei milioni di morti!
    Ho ascoltato via radio l’appello del direttore di questo sito
    l’appello di rivalutare il 4 novembre come vera e unica festa d’unità nazionale, ebbene sono sconcertato
    sconcertato per la follia e la devianza storica e culturale di tale affermazione
    specialmente per la follia che quella guerra ha generato,
    una guerra fatta di povera gente, specialmente meridionale, o combattuta da esaltati che portarono il paese ad una dittatura, per non parlare della retorica deleteria che ha prodotto.
    Per carità, rispetto ai caduti, alle disfatte e alla vittoria
    ma le uniche vere feste di popolo sono il 25 aprile e il 2 giugno pur a discapito delle divisioni, che una rivista di storia dovrebbe solo condannare.
    MI dispiace, ma il primo impatto con il vostro sito è negativo e sospetto che stiate solo manipolando le reatà storiche con intenti subdoli d’influenza politica.
    le parole del direttore, mi spiace dirlo puzzano come una fetida……
    Dott. Antonio Gesino
    P.S. mi spiace la stringatezza dell’intervento, ma lo spazio è quello che è ma son certo che chi deve intendere lo farà senza sforzi.

    Antonio Gesino

  5. Per il signor Gesino:

    Mi sembra che lei non abbia capito nulla della nostra proposta. Comunque, come vede, diamo voce anche a chi forse non la meriterebbe, soprattutto per i toni…

    Fabio Andriola

    Fabio Andriola

  6. Spett. redazione,
    sono insegnante di storia in un centro professionale. Ho accompagnato le mie allieve alla manifestazione del 4 Novembre che, grazie al ruolo che la mia città, San Donà di Piave, ha avuto nella Prima Guerra Mondiale, è particolarmente solenne. Mi sono ricordata di quando, da piccola,il 4 Novembre era giorno di Festa e il nonno, ragazzo del 99 e Cavaliere di Vittorio Veneto, mi accompagnava, insieme al resto della famiglia, a tale Commemorazione e di quando, diventata un po’ più grande, contribuivo alla buona riuscita della stessa suonando con la Banda Cittadina. Se da un lato, dunque, la Vostra campagna per ripristinare la Festa, mi ‘attrae’particolarmente, dall’altro sono consapevole che i genitori dei miei ragazzi non li porterebbero mai alla Manifestazione, ma semmai, a passare un ponte vacanziero. Non è quasi meglio, dunque, che, venendo a scuola,i ragazzi ‘rischino’, magari, di trovare degli insegnanti che veicolino loro la Memoria del 4 Novembre?
    Cordiali Saluti
    Francesca Perissinotto

    Francesca Perissinotto

  7. Ad Antonio Gesino.

    “Specialmente meridionali”: sfatiamo questo mito per cortesia! Si combatteva al confine con l’Austria, era inevitabile che i meridionali combattessero al nord (per ovvie ragioni geografiche!), ma finitela con questa menata.
    Io sono veneto, da quella zona al di la’ del Piave che per lunghi mesi fu sotto controllo austriaco, da un comune liberato il 30 Ottobre 1918. Sentire queste fesserie mi indigna come cittadino e come italiano, pare quasi che gli altri se ne stessero in vacanza a girarsi i pollici. Non esiste comune veneto o friulano che non abbia un monumento ai caduti, anche il piu’ piccolo paese ha avuto le sue decine di morti.
    La vera VERGOGNA e’ che gente come lei si permetta di sputare sul sangue di 780mila ITALIANI che morirono per la loro patria, fosse o meno una guerra giusta (che col senno di poi sono tutti bravi a valutare…).

    PER FORTUNA, la visione distorta della storia imposta dai (pseudo)vincitori sta venendo finalmente sostituita dalla realta’ dei fatti, dalla constatazione (ma ci voleva un genio a capirlo?) che la I guerra mondiale fa pienamente parte del Risorgimento (ops…anche nell’800 facevano le guerre, pensa te), e che il fascismo non fu un buco nero ma un pezzo della nostra storia da valutare attentamente per cio’ che fu, che fece o non fece, per cio’ che di positivo o negativo comporto’ e via dicendo.

    Cancellare la nostra storia e’ invece una delle cose piu’ insulse che si possa pensare di fare, un’idea degna della peggior Inquisizione, o del medioevo piu’ buio. Se volete farlo, fate pure. Ma non pensate di poter trascinare tutti noi nel vostro buco nero pieno di dogmi e tabu’.

    Consiglio, a voi Censori della Storia Italiana, di informarvi su cosa sia realmente l’Italia Repubblicana. I legami con la mafia, col Vaticano, con la massoneria, lo stragismo…ci sono centinaia di libri su questi argomenti, che vi potrebbero far sgretolare tutto da sotto i piedi. Provate ad esempio con Colletti Sporchi, di Ferruccio Pinotti, o Ragazzi di Malavita, di Giovanni Bianconi.
    Scoprirete che, udite udite!, anche l’epoca repubblicana e’ piena di schifezze e vergogne, nonostante la vostra vulgata abbia preteso di imporre come dogma la superiorita’ morale di questi 60 anni sui 90 precedenti di storia italiana. E quindi? Quindi questa e’ la principale dimostrazione del fatto che la Storia va studiata nel suo insieme e non in base ai nostri istinti o convinzioni, che non si getta il bambino con l’acqua sporca, che io da repubblicano mi tengo la Repubblica ma non sono in alcun modo disposto a dimenticare o peggio cancellare il nostro passato fatto di momenti eroici e immani tragedie. Perche’ e’ anche da queste cose che si puo’ trarre insegnamento.

    Un’ultima considerazione: la II guerra mondiale e’ stata PERSA, ed e’ finita in guerra CIVILE. Da allora il nostro paese invece di unirsi, si e’ diviso sempre piu’, fino ad arrivare alle proposte secessioniste (le prime furono in Sicilia, all’epoca di Salvatore Giuliano…).
    Siete ancora sicuri che il 25 aprile sia una festa, e soprattutto simboleggi l’unita’? Mah.

    Saluti

    EB

  8. Solo oggi leggo la proposta di rivalutare la data della “vittoria”, (rigorosamente minuscola e fra virgolette)data che si può e si deve ricordare solamente come la fine di un atroce massacro.
    Le centinaia di migliaia di morti i milioni di feriti e di invalidi vittime di una guerra ingiustificata e ingiustificabile, con la pretesa di “liberare” territori (Trento e Trieste) nei quali i favorevoli all’annessione al regno erano una minoranza di intellettuali, devono essere ricordati, appunto solo come vittime di un nazionalismo ottuso e di generali assolutamente indifferenti alla sorte dei loro soldati.
    I combattenti partiti fra bande musicali e lanci di fiori si ritrovarono in condizioni disumane a sopravvivere nelle trincee e a dare l’assalto a posizioni imprendibili.
    Per i deboli di memoria consiglio la rilettura di “Un anno sull’altopiano” di Emilio Lussu o di “Niente di nuovo sul fronte occidentale” di Erich Maria Remarque
    Smettiamola con le celebrazioni e ricordiamo invece le enormi responsabilità degli industriali, dei politici e dei militaristi nello sterminio della “generazione perduta” d’Europa.

    larry maranza

  9. La storia che la guerra fu voluta da una “minoranza” di capitalimperialisti è vecchia, frusta, falsa ma dura a morire. E quand’anche fosse vera, non toglie che il più grande lascito di quella tragedia che – nessuno lo nega – fu la Grande Guerra è nell’esempio dato dal meraviglioso comportamento di milioni di uomini che seppero affrontare le “Tempeste d’Acciaio” scatenate dalla guerra. Nella storia si possono fare due cose: piangersi addosso oppure prendere gli esempi migliori ed edificanti per guardare avanti. Noi scegliamo la seconda. Se lei, Maranza, preferisce la prima, liberissimo di farlo.

    Emanuele Mastrangelo

  10. Preferisco non prendere esempio da chi nei bagni di sangue vede l’igiene del mondo.
    Grazie, a mai più risentirci

    larry maranza

  11. E da chi prende esempio quindi?
    Non so perche’, ma mi attendo una qualche risposta mielosa e fintobuonista.

    Anche prendere esempio da Giganti come Falcone, Borsellino, Don Puglisi e via dicendo, significa prendere esempio da uomini caduti in battaglia (Stato contro mafia), e alla fine si torna al punto iniziale che “la guerra e’ il motore del mondo” (frase di un prof. di filosofia, che tra le altre cose era un prete e sicuramente al di sopra delle parti, non un fanatico).

    Voler continuamente sputare sul proprio passato, magari celebrando finte vittorie che hanno partorito il marciume sotto i nostri occhi oggi, e’ veramente un’operazione che continuo a non capire…

    EB

  12. Era ora di sostituire la data di guerra civile causa di morti e divisioni, mai sopite,ad una vera guerra nazionale di tutto il popolo (l’unica vinta !!) in memoria dei 600mila morti.

    riccardo bruno

  13. Mi pare giusto celebrare il 4 novembre, ma come anniversario della fine della Guerra: dunque la conclusione del conflitto e l’onore dei caduti delle forze armate. Non mipare però questo l’evento adeguato nel quale riconosce il momento più significativo e pregnante per l’unità d’Italia. Pure sono condivisibili le obiezioni contro l’esclusione dell’Italia fascista dalla storia nazionale.
    Piuttosto dunque è il Risorgimento a segnare nel XIX sec., nella prospettiva di lungo periodo, il compiersi dell’Unità d’Italia.

    Matteo

  14. Beh, caro Matteo, non a caso molti chiamano la Grande Guerra “Quarta guerra d’Indipendenza” e la vedono come atto conclusivo del Risorgimento.

    emanuele

  15. devo scrivere qualcosa sulla prossima commemorazione del 4 novembre 2011,
    ho letto la proposta e la petizione delle firme, io non conosco la storia che attravrso i libri scolastici, ma ho avuto anch’io un nonno che si è salvato da Caporetto e fu insignito del titolo di Cavaliere di Vittorio Veneto.
    Penso che l’Unità d’Italia sia avvenuta sulla carta dopo la vittoria del 25 aprile e della conseguente prtoclamazione della Repubblica il 2 giugno 1948.
    Il 4 novembre è una tappa fondamentale, un passo che scosse il popolo che sperimentò che la propria Terra, l’Italia doveva essere degli Italiani, ma ancora oggi non siamo consapevoli di questo grande Bene.

    maria luisa ciprandi

  16. Leggendo alcuni commenti e dopo una lungo viaggio introspettivo mi sono convinta che il non sapere (con riferimento a chi la storia non la legge e seppure, neppure la comprende) e l’atteggiamento di sufficienza che spesso si assume rispetto alle commemorazioni dell’Unità d’Italia e delle Forze Armate sono indice di una più generale ineducazione ed un inesistente spirito patriottico che sento di condannare, condannare prima i genitori e poi i figli, gli educatori e poi gli studenti… l’Italia si è costruita con il sacrificio di tanti, civili e militari arruolatisi per i più nobili ideali di amor di patria e anche no, ma che hanno comunque combattuto per difendere il Popolo Italiano finanche all’estremo sacrificio. 25 Aprile, 2 Giugno, 4 Novembre… sono per non dimenticare, sono memoria di tempi passati quanto mai attuali che devono informarci e renderci quanto più orgogliosi di essere un Popolo unito sotto la stessa bandiera, capace di rialzarsi ma anche di crescere, di accogliere e sostenere… non dimentichiamo che ancora oggi l’Italia Unita è coinvolta attraverso l’impegno e la dedizione delle forze armate in progetti di ricostruzione in molti territori europei e non.

    Smettiamola con le ipocrisie, con il falso perbenismo che non vuole sconvolgere i bambini durante la commemorazione del 4 Novembre… non dimenticate che nei paesi esteri (per i quali ho grande rispetto, intendiamoci) noi italiani siamo obbligati a rispettarne gli usi e costumi… noi, invece, con una distorta idea di liberalismo stiamo distruggendo la nostra storia e seppellendo le nostre radici!!!

    Riflettete prima di scrivere o agire…. qualcuno mi disse di contare fino a 10 sempre…

    Stefania

  17. Comunque sia, una GUERRA non può portare ad una VITTORIA, resta sempre un atto disumano e produce, sempre cattivi frutti e discutibili risultati.Siamo sinceri: è morta un sacco di gente che senza dubbio avrebbe preferito la pace…Mi ricorderete magari l’intervento americano in Italia, ma ne sono morti altri 20.000 di loro, per liberarci..a volte la guerra è necessaria, purtroppo, ma non può avere un aspetto od un risultato positivo!Sono d’accordo nel confermare e portare avanti le ns. tradizioni, religione ed altri valori,ma la VITTORIA, come risultato di una GUERRA è, secondo me, improponibile.Bisognerebbe chiedere a chi c’è rimasto secco e avremmo una risposta sincera…
    Grazie per l’ospitalità, Gianni

    gianni

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.