A caccia del tesoro di Napoleone Uno storico: “So dove è sepolto”

16 giugno

Il tesoro di Napoleone, ottanta tonnellate d’oro saccheggiate dall’esercito francese nell’autunno del 1812, sarebbe ancora intatto, sepolto sotto un cumulo di terra a poche centinaia di chilometri da Mosca. Che sia vero o meno, la caccia è già cominciata e giornali e tv si stanno preparando per seguire le prime operazioni di scavo la mattina del 12 giugno. Le guiderà lo storico Aleksandr Serjoghin che è convinto di aver finalmente localizzato, con un metodo che definisce “alla codice da Vinci”, un patrimonio da restituire al governo russo. Segretissime, per ovvii motivi, le coordinate dell’area di scavo. Il più fidato collaboratore di Serjoghin, Vladimir Poryvajev, precisa solamente che “si trova in un triangolo tra le città di Smolensk, Elnja e Kaluga. A circa trecento chilometri dalla capitale”.
.
di Nicola Lombardozzi da Repubblica.it: il quotidiano online con tutte le notizie in tempo reale.del 6 giugno 2010
.
Il dibattito sull’esistenza del tesoro di Napoleone è cominciato più o meno subito dopo la disfatta dell’esercito francese. Di sicuro, nella sua avanzata estiva del 1812, il gigantesco esercito napoleonico, composto da 800mila uomini, aveva saccheggiato tutto il saccheggiabile nelle città e nei villaggi conquistati. Secondo la ricostruzione degli storici russi, i soldati francesi avevano accumulato nei loro zaini un piccolo tesoro privato tra gioielli e monete di almeno dieci chili a testa. Ma il saccheggio vero e proprio avvenne dopo il 14 settembre quando, pur fiaccato dalle sanguinose battaglie di Smolensk e di Borodino, l’esercito francese entrò a Mosca. Come è noto i russi avevano incendiato edifici, magazzini, scorte di viveri nella cosiddetta “operazione terra bruciata”. Rendendosi conto dell’inutilità di occupare una città deserta, senza cibo e rifornimenti Napoleone ordinò la ritirata. Ma prima, forse per rabbia, forse per vocazione, fece compiere uno dei più minuziosi saccheggi che la storia ricordi. Sui famosi 200 carri furono caricati gioielli, candelabri, cornici e dipinti preziosi, perfino il grande crocifisso d’oro del campanile “Ivan il terribile” nel cuore del Cremlino.
Della ritirata nell’inverno russo si sa tutto. I soldati percorsero la Staraja Smolenskaja, verso Smolensk, soffrendo la fame, il gelo e gli attacchi della cavalleria cosacca. Ed è lungo la Staraja Smolenskaja che per anni si è cercata traccia dei duecento carri di bottino mai arrivati in Francia. In epoca sovietica furono trovati una decina di zaini pieni di refurtiva, ma niente di più. Adesso Serjoghin avrebbe scoperto che durante la fuga un piccolo contingente di militari francesi si sarebbe allontanato dagli altri per nascondere il tesoro in un luogo sicuro. Nell’area top secret individuata sono state trovate cinture, bottoni e munizioni di soldati napoleonici. Inoltre gli abitanti della zona avrebbero affermato di aver sentito la leggenda popolare di un centinaio di francesi apparsi dal nulla che avrebbero scavato per una notte intera nelle campagne per poi dileguarsi. Serioghjn è convinto di avere una mappa precisa di quel luogo. Il tutto grazie a un matematico russo emigrato in Francia, Roman Aleksandrovic, che ha scovato in un archivio il ritratto di un funzionario napoleonico celebre per aver sempre curato la custodia dei valori.
Il quadro presenta due singolarità: il cappello a tricorno insolitamente posato per terra e un cielo stellato dipinto persino con più cura dei dettagli del resto del quadro. Secondo Aleksandrovic, cappello e posizione delle stelle nasconderebbero il segreto. Il team russo è sicuro del successo ed è già in vena di dediche e di scelte simboliche. “Cominceremo il 12 giugno – spiega Serjoghin – proprio perché è il 198esimo anniversario dell’invasione francese”. Errore grossolano per uno storico. Il 12 giugno è la data del calendario giuliano allora in vigore. In realtà la data corretta sarebbe il 23 giugno. Ma è probabile che, una volta diffusa la notizia, si voglia fare in fretta. Ottanta tonnellate d’oro potrebbero scatenare troppe tentazioni.
_____________________________________
Inserito su www.storiainrete.com il 16 giugno 2010
VUOI SAPERNE DI PIU’ SU NAPOLEONE? LEGGI “STORIA IN RETE” N. 13-14

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Un commento


  1. La campagna militare che Napoleone ha compiuto nell’attuale Russia, così come le altre sue celebri imprese militari, costituiscono importanti eventi della Storia. Ma, al contempo, devono farci ricordare altresì che tali avvenimenti sono stati caratterizzati anche dalla violenza e dal saccheggio alle popolazioni inermi. A mio parere è’ giusto dunque che, a ridosso dei 200 anni dall’autunno del 1812, il “tesoro” russo venga restituito ai legittimi proprietari.

    Fabio

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.