- Storia In Rete - http://www.storiainrete.com -

Documenti rivelano: Pio XII ordinò “salvate le sinagoghe”

“Catholic Culture”, un sito cattolico americano, afferma che due documenti scoperti in Vaticano da “Pave the Way Foundation” dimostrano che Pacelli esortò i vescovi in tutta Europa a proteggere le sinagoghe.
Di Marco Tosatti da La Stampa del 3 luglio 2010

.

Due documenti scoperti nell’Archivio Segreto Vaticano rivelano che il futuro Papa Pio XII ha cercato di preservare la cultura ebraica , in base alla Pave the Way Foundation. Il 9 gennaio 1939 , il cardinale Eugenio Pacelli, allora Segretario di Stato del Vaticano, ha scritto a 60 prelati, “Non impegnatevi a salvare solo gli ebrei ma anche le sinagoghe, i centri culturali, e tutto ciò che attiene alla loro fede: i rotoli della Torah , le biblioteche, centri culturali, ecc. “. La lettera fu scritta due mesi dopo la “Kristallnacht”, quando i nazisti distrussero 267 sinagoghe in Germania e in Austria. La Pave the Way Foundation anche scoperto una lettera del  30 novembre 1938 diretta alle nunziature,alle delegazioni apostoliche e ai vescovi in cui l’allora cardinale Pacelli chiedeva 200 mila visti per i “non- ariani cattolici “. Lo storico Michael Hesemann della Pave the Way Foundation ritiene che la definizione ” non-Ariani cattolici ” era in realtà il codice diplomatico per indicare gli ebrei in generale – e non solo gli ebrei convertiti al cattolicesimo – per due ragioni:
•Nella lettera , il Cardinale Pacelli ha scritto che “si dovrebbe aver cura che luoghi sicuri dovrebbe essere previsti per salvaguardare il loro benessere spirituale e per proteggere il loro culto religioso, i loro costumi e tradizioni” – una direttiva che ha  senso solo se applicata agli ebrei in generale piuttosto che agli ebrei convertiti .
•Molti dei vescovi che risposero al cardinale Pacelli dissero che stavano aiutando i “perseguitati ebrei “.

_____________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 9 luglio 2010