In sei anni online gli archivi della polizia di Vichy

27 luglio

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Entro sei anni, gli archivi francesi dell’Occupazione (1940-1944) – presso la sede della polizia di Parigi – saranno digitalizzati, messi online e liberamente accessibili al pubblico. Questo fondo è uno sguardo globale ma anche particolare alla storia della Francia di Vichy. Alcune delle centotrenta scatole sono “piene fino all’orlo” di documenti relativi all’attività della brigata speciale di polizia, creata dal decreto del settembre 1939 per lo scioglimento del Partito comunista francese, ha detto Francoise Gicquel, commissario capo della sezione archivi della prefettura di polizia. In quel periodo – seguente il patto Molotov-Ribbentrop – la Francia era ancora nella Terza Repubblica. Il regime di Petain – seguito alla disfatta della primavera 1940 – si avvarrà degli strumenti creati in quel periodo.

“Anche se le brigate aveva un ruolo speciale e marginale, dai loro archivi può imparare molto circa le modalità operative di questa istituzione”, ha confermato Henri Rousso, storico e direttore della ricerca presso l’Istituto del presente (CNRS). Composto da rapporti di infiltrati, rapporti di retate o di trascrizioni di interrogatori, i registri mostrano l’efficacia temibile nello smantellamento delle reti comuniste e golliste. “Dopo il loro arresto, i resistenti sono stati interrogati, spesso torturati e consegnati alla polizia tedesca, dove spesso trovavano la morte”, afferma Françoise Gicquel.

A lungo considerati come infernali, i dati della polizia un grande interesse nella ricerca storica. “Essi forniscono informazioni su particolari gruppi sociali che conosciamo solo perché hanno avuto a che fare con le forze di polizia”, dice Henri Rousso. “Come a mettere sotto accusa uno Stato, in particolare una democrazia, senza mettere in discussione la sua polizia?”, aggiunge Jean-Marc Berliere, professore di storia contemporanea presso l’Università di Borgogna (Digione), lo storico francese che primo ha esaminato il ruolo polizia durante l’occupazione, nei primi anni Ottanta.

La principale lezione da questo fondo, secondo gli storici, è la necessità di confutare ogni manicheismo. “Alcune persone soffrono di dover fare questo lavoro di ricerca – avverte Jean-Marc Berliere – Questo ha naturalmente suscitato incomprensione delle vittime per la Liberazione”.

Questi archivi sono “preziosi e fragili, tanto più che essi contengono molte fotografie”, dice Frances Gicquel. La digitalizzazione porrà fine anche alla manipolazione dei documenti. “Dopo il limite di legge, che è sessantacinque anni, questi archivi saranno online, a disposizione del pubblico”. Secondo Jean-Marc Berliere è “importante aprire gli armadi, ma non è negli archivi della polizia, che si trova il paese delle meraviglie. Una vera e propria opera di storico richiede due qualità: etica e metodologia”. “Questi archivi sono complessi si devono imparare a leggere. Comunque, sono stato molto colpito da problemi di accesso che trovavo agli inizi della mia carriera, per questo preferisco vedere il bicchiere mezzo pieno”. Henry Rousso ammonisce contro eventuali abusi. “La stampa ha molto sorvolato sui nomi dei collaboratori e combattenti della resistenza presenti nell’archivio. Per i discendenti delle vittime, non è troppo grave, ma per i collaborazionisti, è più delicato”. La consultazione libera è una sfida alla privacy e al diritto all’oblio.

______________________

Inserito su www.storiainrete.com il 26 luglio 2010

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.