Roma: gli anarchici celebrano Gaetano Bresci… toponomasticamente

29 luglio

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Un gruppo anarchico romano ha “ribattezzato” il 29 luglio 2010 il ponte romano dedicato a re Umberto I di Savoia col nome del suo omicida, l’anarchico Gaetano Bresci. L’iniziativa provocatoria – per il 110° anniversario del regicidio di Monza in cui il sovrano fu ucciso dall’anarchico pratese – è stata realizzata coprendo le targhe toponomastiche con un fac-simile che recita “Ponte Gaetano Bresci – anarchico vendicatore” e srotolando dal ponte ribattezzato uno striscione con su scritto “Contro ogni potere”.
L’atto di Gaetano Bresci è stato ricordato a distanza di 110 anni – recita il comunicato del gruppo anarchico autore del gesto – “per denunciare le condizioni di vita dei precari, dei disoccupati, dei sottoccupati, dei detenuti, dei migranti, dei senza casa e di tutti gli sfruttati e gli oppressi della terra. Gaetano Bresci incarna il bisogno di libertà presente in ogni individuo, allora come oggi. Umberto I rappresenta in maniera violenta e becera il potere detenuto dai governi di tutto il mondo”.

__________________

Inserito su www.storiainrete.com il 29 luglio 2010

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.