“Hitler era ebreo”. Ma anche no

7 settembre

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)

L’analisi del Dna di 39 membri viventi della famiglia di Adolf Hitler, ottenuto da campioni di saliva, ha rivelato un cromosoma, Aplogruppo Eib1b1, raro tra gli occidentali, ma comune tra i berberi in Marocco, Algeria e Tunisia, e tra gli ebrei ashkenaziti e serfarditi. Un dato sufficiente a far affermare a un giornalista e uno storico belgi, Jean-Paul Mulders e Marc Vermeeren, che il dittatore nazista aveva origini ebraiche e nordafricane. L’Aplogruppo Eib1b1 è legato al 10-20% del cromosoma Y degli ashkenaziti e tra l’,8,6 e il 30% dei sefarditi. Secondo il “Daily Telegraph” che ha riportato la notizia, tutti gli esami sono stati eseguiti in laboratorio in condizioni particolarmente severe in modo da non poter inficiare in alcun modo i risultati, qualunque fossero stati. Uno specialista di genetica dell’Università Cattolica di Lovanio, Ronny Decorte, ha definito “sorprendente” lo studio realizzato da Mulders e Vermeeren “affascinante soprattutto se lo si confronta con la concezione del mondo dei nazisti, nel quale razza e sangue sono elementi fondamentali per stabilire l’appartenza alla razza ariana”. Mulders ha sintetizzato il risultato delle analisi in modo lapidario: “Si può dire chiaramente che Hitler era legato alle stesse persone che tanto disprezzava”. E tuttavia è subito giunto un forte ridimensionamento dello scoop, con le parole del genetista Guido Barbujani, raccolte da “L’Unità”: “E’ vero che ci sono varianti del dna che sono più comuni in certi gruppi di popolazione piuttosto che in altri. Ma da qui a tirare delle conclusioni ce ne passa. Le faccio un esempio. Io ho il sangue di gruppo O. Questa caratteristica è molto comune tra gli indiani Apaches. – ha dichiarato lo scienziato, scherzando sul fatto che con lo stesso rigore potrebbe essere considerato un pellerossa – Qualche  volta possiamo dire che un pezzetto di dna ha le stesse caratteristiche di quello che si ritrova più frequentemente nella popolazione ebraica. Ma potrebbe risalire anche a 30 generazioni prima, come dire mille anni. Quanto poi alla popolazione ebraica, ha davvero un’accozzaglia di dna, quindi studi come quelli su Hitler sono divertenti, incuriosiscono. Ma tutto qui».

___________________________________________________

Inserita su www.storiainrete.com il 7 settembre 2010

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

2 commenti


  1. La balla delle presunte origini ebraiche di Hitler venne fatta circolare negli anni 30 da nazxionalisti austriaci.
    Girava la favoletta che la nonna MARIE ANN SCHICKLGRUBER
    fosse stata a servizio presso una famiglia ebraica di Graz. Solo che all’epoca -. anni 1838/39 – in Austria agli Ebrei era vietato tenere personale di servizio cristiano e non potevano risiedere a Graz.
    Si hanno ragioni per credere che Hitler fosse frutto di una relazione incestuosa. Non si consoce l’esatto grado di parentela dei genitori e dato che la madre ormai era incinta l’Arcivescovado competente sospese l’inchiesta e concesse la dispensa.
    Si tratta comunque di discussioni sterili. Comunquem un pronipote è andato in Israele e si ì convertito all’ebraismo.

    .

    Wolf Murmelstein

  2. Mai sentito un’idiozia simile, come si fa a definire con certezza l’origine di una persona dall’aplogruppo, dire che era ebreo o nord-africano è totalmente inesatto, la sub-clade di Hitler Eib1b1 è la stessa di Napoleone e di parte della popolazione etrusca, l’apolgruppo E è diffuso anche tra i greci e gli egiziani, e anche presente in asia minore, un antenato di Hitler potrebbe provenire da una qualsiasi di queste aree, e non esiste modo per sapere con precisione da quale popolazione….

    Alex

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.