140 anni di Roma Capitale: al via le celebrazioni

13 settembre

Il 20 settembre 1870 – 140 anni fa – i bersaglieri conquistavano Roma allo Stato Pontificio e la consegnavano alla nuova Italia unita.  Fu una breccia di trenta metri, aperta il 20 settembre 1870 nelle mura della Città in prossimità di Porta Pia, a consentire l’accesso delle truppe del generale Raffaele Cadorna nella Roma Pontificia. Pochi giorni dopo, un plebiscito popolare sancì l’annessione di Roma allo Stato italiano, il primo passo verso la sua proclamazione a Capitale d’Italia nel febbraio del 1871.

Dal 18 al 20 settembre 2010 per ricordare questa tappa storica fondamentale si terrà una festa per le strade simbolo della Città Eterna. Tre giorni di concerti, spettacoli, proiezioni, animazioni per bambini e aperture straordinarie per rivivere una tappa fondamentale nella storia dello Stato italiano.

Le celebrazioni verranno aperte con una conferenza lunedì 13 settembre 2010 ore 12.00 nella Sala Pietro da Cortona dei Musei Capitolini, al Campidoglio, Roma dove saranno presenti il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta, il Sottosegretario ai Beni Culturali Francesco Maria Giro, il Vice Sindaco di Roma, Mauro Cutrufo, l’Assessore alle Politiche Culturali e della Comunicazione del Comune di Roma Umberto Croppi, il Sovrintendente ai Beni Culturali del Comune di Roma Umberto Broccoli, il Presidente del Comitato di Indirizzo Marcello Veneziani, Monsignor Pasquale Iacobone del Pontificio Consiglio della Cultura e il Presidente di Zètema Progetto Cultura Francesco Marcolini.

140-anni-roma-capitale_2

Programma

Sabato 18 settembre
Giornata dedicata agli studi presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio.
La giornata condotta da Marcello Veneziani, coinvolgerà i più stimati storici italiani. Il tema “Roma diventa Capitale” sarà declinato in più incontri che si focalizzeranno sulla figura di Pio IX tra potere temporale e unità d’Italia e sul rapporto tra Roma, il Risorgimento e l’identità nazionale.

Domenica 19 settembre
Giornata che propone al pubblico eventi lungo l’asse che va da Porta Pia a Largo S. Susanna.
Giornata dei festeggiamenti aperti alla città, con tanti appuntamenti in programma, dalle mostre alle animazioni di strada, dalle visite guidate agli spettacoli.
Una mostra sui pittori del Risorgimento si inaugura al Museo di Roma Palazzo Braschi dove, con l’occasione, saranno presentate al pubblico le novità del museo: l’ingresso da Piazza Navona, le sale riallestite al piano terra, la caffetteria e la nuova libreria.
Un’altra mostra sulla figura di Giovanni Barracco, patriota e collezionista, è ospitata al Museo di Scultura Antica – Giovanni Barracco, proprio di fronte al Museo di Roma.
In via XX Settembre, dal pomeriggio e fino a notte inoltrata, concerti, spettacoli e animazioni accompagneranno il pubblico da piazza di Porta Pia a largo di Santa Susanna. Non mancheranno le Fanfare dei Bersaglieri, i concerti di musica risorgimentale nelle chiese limitrofe, il teatro di strada per i ragazzi e le famiglie, l’omaggio dei più famosi comici romani alla città, proiezioni con giochi di luce sulle facciate degli edifici lungo il percorso, visite guidate e aperture straordinarie delle chiese, dei palazzi, dei ministeri e dei monumenti lungo l’asse di via XX Settembre.

Lunedì 20 settembre
Giornata dedicata alla visita di Stato del Presidente della Repubblica alla città di Roma. Il Presidente Giorgio Napolitano e il Sindaco di Roma Giovanni Alemanno inaugureranno i restauri di Porta Pia, dell’Aula Giulio Cesare in Campidoglio e la mostra sulla città di Roma nella storia al Complesso Museale del Vittoriano.

Mercoledì 22 settembre
Inaugurazione della mostra Il Risorgimento dei Romani al Museo di Roma in Trastevere.

_____________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 13 settembre 2010

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.