Storia in Rete numero 60, ottobre 2010

17 ottobre

Storia in Rete di ottobre si concentra sul settantesimo anniversario della Campagna di Grecia e delle sconfitte italiane in Africa settentrionale: in una parola, nel vero inizio della guerra mondiale per l’Italia: cosa ha condotto il paese verso il disastro militare? E perchè il Fascismo va ad impantanarsi sul fronte greco? Domande alle quali le vecchie risposte non si adattano più. Continua poi l’inchiesta di Storia in Rete su Wikipedia, indagando sui casi in cui scontrarsi con l’Enciclopedia Libera si è rivelato un osso duro per giornalisti, politici e storici. Mentre continua l’avventura italiana nello spazio, Storia in Rete dedica a tre grandi italiani del passato altrettanti articoli per farli uscire dall’ingiusto anonimato cui la storia li ha rinchiusi: Due scienziati, Nazareno Strampelli e Olinto De Pretto e un militare, Camillo Ricchiardi. Il primo – premio Nobel mancato – fu l’autore della Rivoluzione Verde italiana negli anni Venti e Trenta: col suo frumento sperimentale riuscì a far vincere al Fascismo la Battaglia del Grano e all’Italia e al mondo la fame. Il secondo era un fisico dilettante che ebbe un singolare destino: anticipare di due anni Einstein nella formulazione della famosa equazione E=mc². L’ultimo fu un eroe italiano dell’indipendenza boera, capo di tutte le truppe volontarie e protagonista di un fatto d’armi tanto eclatante quanto poco noto: la cattura di Winston Churchill.  E ancora, il maestro politico di Obama – Saul David Alinsky – la dolce vita parigina al tempo di Napoleone III e Cavour e il mito medievale del Prete Gianni. Tutto questo e molto altro su Storia in Rete di ottobre!!

STORIA IN RETE N. 60 E’ DISPONIBILE ANCHE IN PDF. ACQUISTALO CLICCANDO QUI!

TI SEI PERSO QUALCHE COSA? VEDI NELL’ARCHIVIO DEI NUMERI ARRETRATI

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.