Il latino sbarca su i-Phone e i-Pad

19 ottobre

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Con la nuova versione 1.2.2 dell’ap Il Devoto-Oli oltre all’autorevole vocabolario di italiano gli utenti possono acquistare l’appendice Latinismi come opzione in app purchase, in offerta lancio a 79 centesimi. Grazie a quest’ultima abbiamo sempre a portata di tap oltre 800 termini latini tra proverbi, massime ed espressioni di uso comune. Dai politici ai giornali ma anche nella lingua parlata di tutti i giorni modi di dire e proverbi latini vengono utilizzati più di quanto si creda. Ecco alcuni esempi: panem et circenses, pecunia non olet, nomen omen, memento mori, veni,vidi, vici, dura lex sed lex, cupio dissolvi, cum grano salis, cui prodest, alea iacta est; e ancora ad maiora, ubi maior minor cessat, ad hoc, condicio sine qua non, Deo gratias, desiderata, dulcis in fundo.

di Daniele Piccinelli da Macitynet del 18-10-2010

Con l’appendice Latinismi de Il Devoto-Oli abbiamo sempre a disposizione la forma corretta e il significato su iPhone e touch. Ricordiamo che l’app per i tascabili iOS di Apple include la versione integrale del vocabolario: contiene 150mila definizioni e 500 neologismi con consultazione off line, la ricerca multipla delle parole, l’audio dei forestierismi, la funzione “Scuoti la parola”, la possibilità di personalizzare la dimensione dei caratteri e la funzione “Invia a un amico”. Per ciascun lemma sono disponibili la definizione, la declinazione/coniugazione, i sinonimi e i contrari.

Per acquistare i Latinismi occorre prima acquistare e installare Il Devoto-Oli su App Store a 19,99 euro. Per acquistare l’appendice a 79 centesimi occorre aprire la sezione Altro.

______________________

Inserito su www.storiainrete.com il 19 ottobre 2010

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.