A Venezia la Cisl mette nel Tricolore veneto il Leone di San Marco

8 gennaio

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Un Tricolore italiano con insieme il Leone di San Marco, in un riquadro posto nella campitura verde della bandiera nazionale. Con questa immagine, che campeggia nel calendario 2011 in distribuzione ai suoi 5mila delegati, la Cisl del Veneto cerca di fare sintesi delle diverse sensibilità che si respirano nella regione a proposito della ricorrenza dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

.

da Il Gazzettino del 7 gennaio 2011 Il Gazzettino

.

Il Tricolore “leonino” è l’immagine di copertina del calendario sindacale intitolato “Diario del Risorgimento Veneto”. Un’iniziativa, spiega la segretaria regionale Cisl Franca Porto, dedicata ai lavoratori veneti «che hanno partecipato alla costruzione di un Paese unito, moderno e democratico, e ai maestri e agli insegnanti del veneto cui spetta il privilegio e il dovere di far crescere i cittadini dell’Italia di domani».

Nel calendario la didascalia del Tricolore di “San Marco” riporta la dichiarazione del consiglio dei ministri della Repubblica veneziana, datata 27 marzo 1848: «Coi tre colori comuni a tutte le bandiere d’Italia si professa la comunione italiana. Il Leone è simbolo speciale di una delle italiane famiglie».

____________________

Inserito su www.storiainrete.com l’8 gennaio 2011

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

2 commenti


  1. sarebbe ora che anche il veneto fosse rispettato

    luciano

  2. a me non sembra affatto una cattiva idea. Visto che al nordest mancano ancora 6 anni per fare 150 di annessione. È un po come dire: visto che festeggiamo il compleanno ma non vi abbiamo invitato…siete comunque parte della famiglia non prendetevela.

    carlo

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.