Marco Bellocchio: “Mussolini è l’italiano più famoso al mondo”

14 gennaio

““Vincere” e non vinceremo! – il “New York Times” promuove a pieni voti il film di Bellocchio e i cine-critici usa premiano come miglior attrice Giovanna Mezzogiorno e subito l’approssimativa stampa italiana si lascia andare ad orizzonti di gloria – oggi scopriamo mestamente che essendo uscito anche in video on demand il film non ha i requisiti per partecipare agli Oscar…” Così Dagospia, dando la notizia che il film “Vincere” di Bellocchio – nonostante le lusinghiere critiche della stampa nuovayorkese, non ha i requisiti per partecipare agli Academy Awards. La notizia comunque aveva suscitato molto clamore, con un’intervista al regista su Il Giornale, che riportiamo di seguito.

“Ecco perché il mio Duce sbancherà gli Usa”

«Certo che sono sorpreso. Non me l’aspettavo. Vincere è un film di un anno e mezzo fa. Non abbiamo fatto una particolare campagna promozionale. Ci ha pensato la produzione, ha trovato un distributore americano, io me ne sono disinteressato. Sì, mi dicevano che l’accoglienza era positiva. Che la media dei giudizi della critica era alta. Però…». Smaltite le feste, nella sua casa di Roma Marco Bellocchio sta riflettendo sul suo prossimo film che potrebbe riguardare Tangentopoli. Ma la notizia del «tifo» dei critici del New York Times che, con procedura particolarmente insolita, spingono per la candidatura all’Oscar dell’opera in cui ha raccontato la vicenda di Ida Dalser, l’amante che diede un figlio a Mussolini (Benito Albino) e che finì i suoi giorni in un manicomio, è un gran buon viatico per il 2011.

.

di Maurizio Caverzan da “Il Giornale” dell’11 gennaio 2011

.

Giovanna Mezzogiorno è già stata nominata «best actress» dai critici americani mentre si saprà solo il 25 gennaio se il film, uscito negli Stati Uniti nel 2010, concorrerà per la conquista della prestigiosa statuetta nella categoria del miglior film assoluto. «Ma no, meglio essere prudenti. Per l’Oscar siamo in zona Cesarini», smorza l’entusiasmo Bellocchio, come a far intendere che l’apprezzamento proveniente da oltreoceano è già in sé una soddisfazione. «Per chi fa un lavoro impicciato e mescolato come il mio, una notizia così è uno stimolo ad andare avanti per la nostra strada».

Ma secondo lei, oltre agli attori, che cosa è piaciuto di più agli americani? La storia o la forma del racconto?
«Entrambe le cose, credo: la bravura degli interpreti e la qualità intrinseca del film. Non dimentichiamo che Mussolini è stato fino a un certo punto del regime un personaggio molto apprezzato e ammirato dalla colonia di italiani in America. Poi purtroppo sono arrivate le leggi razziali e la guerra… Però tra i personaggi italiani forse è il più conosciuto all’estero. Probabilmente è piaciuto anche lo stile narrativo. In tutta sincerità, va detto che il film è stato proiettato soprattutto nelle sale d’essai, non esattamente nei circuiti popolari».

Del cinema italiano gli americani sembrano apprezzare soprattutto il periodo della Seconda Guerra mondiale come dimostrano gli Oscar a Mediterraneo e La vita è bella. Ora si parla di Vincere…
«Questo forse dipende dall’età dei votanti dell’Academy. Sento dire che sono persone anziane, un po’ tradizionaliste. È plausibile che amino il cinema della memoria, della storia, anche se Vincere è tutt’altro che un film nostalgico. È un cinema del presente che parla del passato. Com’era anche Nuovo Cinema Paradiso».

Che cosa pensa dell’attacco di Luca Guadagnino a La prima cosa bella di Paolo Virzì, nostro candidato ufficiale tra i film stranieri?
«C’è una giuria nella quale contano i rapporti di forza. Questa giuria dovrebbe intuire quale opera italiana abbia maggiori chance per puntare all’Oscar. Il film di Guadagnino aveva già ottenuto buoni riscontri. Spesso però prevalgono i gusti dei giurati e la legge del più forte. L’anno scorso, tra Baarìa e Vincere fu scelto Baarìa prodotto da Medusa. Con questo non ho nulla da dire sul film di Virzì, al quale auguro di ottenere il massimo. Tuttavia, la mia esperienza dell’anno scorso è stata questa».

Dunque la nomination della critica americana è una specie di rivincita…
«In un certo senso. Sono anche felice per i riconoscimenti meritati da Giovanna Mezzogiorno. Ma sa, uno dei vantaggi dell’età è anche un certo distacco. Se avessi vent’anni vivrei tutto con maggior spirito di rivalsa».

A proposito di polemiche, il movimento «Tutti a casa» non è troppo ideologizzato?
«Una dose di ideologia forse è rimasta come reperto antico. Però si è attenuata. Ma non dobbiamo dimenticare il contesto in cui viviamo. Anche il cinema subisce i processi della globalizzazione. Si spostano le produzioni all’estero e i nostri lavoratori si sentono abbandonati. In una situazione di smarrimento e di disoccupazione il movimento “Tutti a casa” è affine a quello degli studenti che salgono sui tetti. Poi c’è un gruppo di professionisti che per la loro storia hanno più facilità a trovare un contratto, a trovare un produttore».

Che cosa pensa del fatto che mentre calano i fondi del Fus, crescono gli incassi al cinema italiano?
«Questo bisognerebbe chiederlo agli studiosi, ai sociologici. Forse è la domanda che è diversa. In epoche di crisi e di difficoltà, la gente vuol dimenticare, cerca di evadere, di divertirsi. E il cinema è una via d’uscita sicura».

È la ragione del successo di commedie come «Benvenuti al sud» e «Che bella giornata»…
«Assolutamente. Questa non è la stagione della commedia provocatoria, cattiva, contro il potere. Ma di film concilianti, capaci di mitigare i contrasti. Tuttavia, chi fa cinema d’autore sbaglierebbe a interrompere il proprio percorso».

Lei continua la sua indagine sull’Italia del ’900. Ha raccontato il ’68, il terrorismo con «Buongiorno, notte», poi un episodio oscuro dell’epoca di Mussolini. Che ne è del progetto su Craxi e Tangentopoli?
«Un regista non è un giornalista né uno scrittore. Se parto dalla realtà tendo un po’ a stravolgerla. Come uno sportivo anche un regista deve tenersi in esercizio: incontrare gli attori, studiare le riprese, fare i film. Il progetto di Italia mia sulla stagione di Tangentopoli si è imbattuto in alcune risposte negative. Ma c’è ancora qualche speranza. In ogni caso non sarebbe un pamphlet polemico sul passato per parlare del sistema di potere attuale. Nei prossimi giorni saprò se potrò andare avanti. Altrimenti mi dedicherò ad altro».

__________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 13 gennaio 2011

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

6 commenti


  1. Cosi’ presi ad autolodarsi che neppure avevano guardato a cosa dice il regolamento per essere ammessi agli oscar, infatti il film e’ stato scartato.

    E’ un film noioso, lento, fatto con pause di falso suspence stile anni ’70, basato in parte su fatti storicamente discutibili e in parte su fatti manifestamente falsi.

    Angelo Paratico

  2. Il falso storico non dovrebbe interessare Storia in rete che è una rivista di storia-verità. O mi sbaglio?

    carolus

  3. In realtà il falso storico – proprio perchè falso – aiuta a comprendere un po’ di più il vero storico!

    emanuele

  4. Certamente, quando le due cose vengono mantenute distinte e non mischiate.

    Giordano Bruno Guerri chiese a Bellocchio in televisione perche’ aveva messo la scena del matrimonio religioso di Mussolini con la Dalser. Lui rispose che voleva sottolineare ancor di piu’ la cattiveria di Mussolini.

    Angelo Paratico

  5. Infatti ultimamente sembra quasi che studi seri non se ne vogliano fare, e si faccia solo “gossip storico”, parlando di questa o quella amante di Mussolini, in un mischione di fatti personali e di realtà storica. In questo caso “l’operazione Mussolini” è interessante non tanto per il suo contenuto storiografico – oggettivamente risibile – quanto per il fatto mediatico in se stesso: Bellocchio odia Mussolini, fa un film per sottolinearne “la cattiveria”… ma in finale lo fa perchè Mussolini tira come le donne nude in copertina. Dal punto di vista sociologico e sociostorico è un’apparente incoerenza interessantissima! Non credi?

    emanuele

  6. Contrariamente a quanto si possa ritenere, non deve stupire affatto che Mussolini, unitamente a Cesare e Leonardo, sia tra gli italiani più famosi riconosciuti all’estero, specie negli USA, i quali richiesero il cervello del Duce -dopo la sua morte- per poterlo studiare. Segno evidente che il Duce –oltreOceano- non era ritenuto pazzo. Gli stessi USA, quando indossano il ruolo dei vincitori, in ottemperanza al proverbio di Brenno: “vǣ victis”, vorrebbero dipingere il capo del governo italiano ciò che non è mai stato, pur con gli errori delle leggi razziali e della guerra.
    Essi -infatti- conoscevano la politica della socializzazione, la quale {com’è noto} è il punto di cerniera tra capitalismo e comunismo e dalla quale lo stesso Keyness, a detta di alcuni economisti, sembrerebbe aver preso ispirazione. Cos’altro è il Well fare state, attuato da Roosvelt se non la sua versione americana ??!!!
    Quanto al film non si può dimenticare che esso è cosa diversa da un documentario, essendo una storia romanzata un regista può far vedere Nerone nel Colosseo, un legionario con l’orologio da polso, un Commodo che uccide suo padre Marco Aurelio, i Templari visti come usurai, i soldati titini come liberatori dai nazisti e così via.
    Vi è la ricerca spasmodica di ciò che fa guadagnare non già di ciò che produce cultura; preso un personaggio storico {qualunque sia l’epoca vissuta}, anziché raccontare quello che realmente ha fatto, si preferisce ricamare –spesso mentendo- sui suoi amorazzi, che fanno più cassetta, riempiono le sale e gonfiano il portafogli, presi dal delirium demens del Grande Fratello.
    Il cittadino spettatore ha, comunque, la facoltà di informarsi bene. Nella papessa Giovanna {Giovanni VIII}, il film –ambientato al tempo dei figli di Carlo Magno- finisce facendo credere che dopo di lei, seguendo il suo esempio, molte donne si sono camuffate da uomo al fine di fare carriera all’interno della Chiesa, diventando Vescovi, Abati o Cardinali. Si tratta solo una conclusione a sfondo femminista. Ẻ già di per se dubbia l’esistenza della papessa Giovanna, ma se ciò fosse veramente successo, la struttura ecclesiale sarebbe stata maggiormente attenta nello scegliere i suoi prelati, come dimostra la creazione della sedia gestatoria, la quale –si dice- sarebbe stata creata dopo il fatto di Giovanna, allo scopo di verificare il sesso del papa neo eletto.
    Sarebbe stolto da parte dello spettatore scambiare un film con la realtà dei fatti.

    Federico

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.