Mosca, conclusa inchiesta: non fu Lenin a ordinare la strage degli zar

20 gennaio

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Non c’e’ alcuna prova che fu Lenin a ordinare nel 1918 l’uccisione dello zar Nicola II e della sua famiglia. E’ quanto emerso al termine di una lunga inchiesta condotta da magistrati, storici e archivisti che hanno ‘assolto’ il leader bolscevico e il suo fedelissimo, Yakov Sverdlov.

.

da del 17 gennaio 2011

.
L’inchiesta si e’ conclusa venerdi’ scorso e il responsabile, Vladimir Solovyov, ha spiegato al quotidiano Izvestia che non ci sono “documenti affidabili in grado di provare” la responsabilita’, “l’istigazione” di Lenin o Sverdlov. Tuttavia, Solovyov ha sottolineato che il leader bolscevico e il suo braccio destro sono da ritenersi comunque colpevoli di aver approvato gli omicidi e di non aver punito gli esecutori. “Quando appresero che l’intera famiglia (di Nicola II) era stata uccisa, approvarono ufficialmente l’omicidio e nessuno di coloro che lo avevano organizzato, ne’ chi lo esegui’ fu vittima di alcuna pena”, ha aggiunto .

________________

Inserito su www.storiainrete.com il 19 gennaio 2011

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.