Unità d’Italia, i grandi chef preparano il piatto tricolore per la festa dei 150 anni

21 marzo

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)I 150 anni dell’Unità d’Italia si celebrano anche a tavola. A suggerire i ‘piatti tricolori’ ideali per festeggiare questo importante anniversario sono i più famosi chef italiani che all’ADNKRONOS rivelano cosa porterebbero in tavola il 17 marzo.

.

da ADNKronos del 13 marzo 2011

.

Ricette elaborate per l’occasione o piatti simbolo della nostra tradizione culinaria, a partire dagli spaghetti, scelti dagli chef Antonello Colonna edEnrico Cerea, passando per la pasta alla Norma di Filippo Lamantia, e il riso scelto da Gualtiero Marchesi, Gianfranco Vissani con il risotto alla milanese e Heinz Beck con un risotto ‘tricolore’.Secondo il siciliano doc Filippo Lamantia, è la pasta alla Norma, il piatto ideale per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia, perchè – spiega – “c’è il tricolore, con il rosso del pomodoro, il verde del basilico e il bianco della pasta e poi perchè è un piatto che conosciuto in tutto il mondo e con una storia bellissima”. “Mentre l’orchestra provava la Norma di Bellini, a Catania, in vista del debutto alla Scala di Milano del dicembre 1831, si sentiva un inebriante profumo di sugo proveniente da una casa vicina al teatro. Gli orchestrali incuriositi chiamarono la donna era ai fornelli e chiesero di cucinare per tutti loro. Da allora – conclude – si chiama pasta alla Norma, in omaggio all’opera, al Bellini e all’italianità”.

Gianfranco Vissani, porterebbe in tavola un risotto alla milanese “perchè – dice – è un piatto storico, elegante e a mio giudizio fra i più buoni della cucina italiana”.

Ancora riso per celebrare l’Unità Italia, ma ‘tricolore’ quello preparato da Heinz Beck: un risotto all’acqua di pomodoro e salsa di rucola, con tartare di tonno fresco e pecorino. “Un piatto – spiega – con ingredienti per i quali l’Italia è famosa e al tempo stesso molto coreografico perchè con i colori della bandiera italiana”.

Anche per lo chef Gualtiero Marchesi la scelta ricade sicuramente sul riso “perchè – spiega – simboleggia l’unità, con tanti chicchi uniti insieme”. Lo chef, famoso e per i suoi piatti a base di riso, in particolare il ‘risotto oro e zafferano’, non svela il suo piatto celebrativo, perchè lo presenterà al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Dunque al momento resta ‘top secret’.
Non ha dubbi lo chef Antonello Colonna: spaghetti pomodoro e basilico. “Il piatto – sostiene – che meglio celebra la storia degli italiani e il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia. No a piatti troppo regionali, dunque né polenta ne’ pajata. L’unità degli italiani, tutti – sostiene – è fatta dagli spaghetti. E più precisamente spaghetti tricolore. Per ritrovare un equilibrio anche nella società, come accade in cucina, la semplicità è la via maestra, e gli spaghetti sono questa semplicità.
E soprattutto – conclude – sono trasversali, cucinati magari in mille modi diversi, a seconda delle tradizioni e dei gusti, ma sempre spaghetti”. Anche per Enrico Cerea, “in tavola per l’anniversario dell’Unità d’Italia non può che esserci gli spaghetti che, insieme alla pizza, sono il piatto che più ci rappresenta. Io li cucinerei con una buona salsa di pomodoro e una crema di basilico molto verde e brillante per rappresentare i colori della nostra bandiera”.
Risotto al pomodoro e rughetta con tartare di tonno e pecorino (Chef Heinz Beck)

______________________

Inserito su www.storiainrete.com il 21 marzo 2011

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.