Pearl Harbor, l’Urss sapeva dell’attacco

19 settembre

I servizi segreti sovietici sapevano in anticipo dell’attacco giapponese a Pearl Harbor del dicembre 1941, dopo aver intercettato e decodificato un messaggio segreto in cui il ministero degli esteri di Tokyo rivelava che il Giappone aveva deciso di muovere guerra nel Pacifico agli Stati Uniti e non all’Unione sovietica. Citati ieri dal quotidiano «Tokyo Shimbun», i ricercatori giapponesi hanno attinto a documenti inediti negli archivi russi: il messaggio era stato inviato nel novembre 1941 all’ambasciatore nipponico a Berlino, Hiroshi Oshima, con l’incarico d’informare Adolf Hitler e il ministro degli esteri von Ribbentrop della decisione del Giappone di attaccare gli Stati Uniti «prima del previsto» a causa dello stallo nei negoziati con Washington. I servizi sovietici intercettarono il messaggio il 27 novembre 1941, con dieci giorni d’anticipo sull’ attacco a Pearl Harbour.

Da «Avvenire» dell’11 agosto 2004
www.avvenire.it

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.