Scoperte le prime pellicole hard di inizio XX secolo

6 aprile

Alle origini del porno: scoperti i primi film di inizio xx secoloSedici piccoli film in grado di gettare una luce diversa sul mondo del cinema e della società di primo novecento. E si tratta di porno..

di Stefano Biolchini da Il sole24 ore dell’8 marzo 2011 IL SOLE 24 ORE

Il quotidiano francese Libération ne pubblica due “Soeur Vaseline” – storia di una monaca molto boccacesca e di un ménage à trois tra la religiosa, un contadino e il frate conventuale – e “Chez le docteur” – già agli albori del cinema un grande classico del triangolo dottore-paziente-infermiera – e li presenta come delle vere e proprie chicche: i primi film pornografici datanti al debutto del XXesimo secolo, anche se la visione è comunque rigorosamente vietata ai minori di 18 anni, visto che le scene – seppur d’antan – risparmiano ben poco all’immaginazione.

Si tratta di film definiti “da bordello”, in teoria colpiti dall’interdetto anche se spesso diffusi nei saloni d’attesa delle case di tolleranza. I film che sono stati raccolti in Dvd dalla Lobsters film, provengono da collezioni private e sono stati di difficile datazione.

Di certo vi si ritrovano molte delle caratteristiche che a partire dagli anni ’70 costituiranno le più evidenti marche di genere: piani serrati, fantasie sessuali come da clichés, prelimininari ridotti al minimo. Il tutto in ambientazioni di inizio secolo, con cartelloni di commento. Perché – come è ovvio – a mancare sono solo i classici sospiri d’accompagnamento: nonostante “l’incredibile attualità” il cinema allora era ovviamente muto.

________________________________

inserito su www.storiainrete.com il 6 aprile 2011

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.