Torino, la casa di Gramsci diventa albergo

19 settembre

Diventerà un albergo la casa dove visse Antonio Gramsci, il fondatore del partito comunista. Gramsci visse in una camera al quinto piano del numero civico 14 di piazza Carlina a Torino, tra il 1911 e il 1922. Il nuovo proprietario dell’immobile è il tedesco Hans Kahlen. L’inaugurazione del nuovo hotel è prevista per il 2006. A comunicare la notizia della compravendita è stato il sindaco di Torino, Chiamparino. A realizzare la ristrutturazione del palazzo, che risale al 1678, sarà l’architetto tedesco, Peter Schoebben. Il direttore de «L’Unità», Furio Colombo ha commentato: «L’Italia non è in grado di proteggere… i luoghi che potrebbero essere riservati alla memoria e alla cultura del nostro paese… Gramsci è diventato grande grazie ai suoi scritti. La vendita della sua casa non è poi niente di terribile…».

Da «Avvenire» del 13 agosto 2004
www.avvenire.it

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.