Bocciato da americani il Mark Twain censurato per “politically correct”

15 aprile

La nuova versione politically correct di ”Le avventure di Huckleberry Finn” di Mark Twain, con 200 termini censurati perche’ ritenuti offensive, non piace agli americani. L’idea di un editing del famoso romanzo per far sparire parole come ”nigger” (negro), sostituita con il termine ”slave” (schiavo), e’ stata sonoramente bocciata: piace solo al 13% degli intervistati di un sondaggio realizzato dalla societa’ Harris su un campione di 2.379 adulti americani. La versione depurata dell’opera di Twain e’ stata realizzata dal professore Alan Gribben della Auburn University di Montgomery: non sopportando che la parola ”nigger” comparisse nel testo per 219 volte, ha pensato di sostituirla con ”slave”, cosi’ come ha eliminare il termine ”Injun” (indiano). Ma il sondaggio Harris ha rilevato che ben oltre i tre quarti del campione interpellato (per l’esattezza il 77% degli intervistati) non ha gradito i cambiamenti lessicali. Addirittura il 59% si e’ detto fortemente contrario alla novita’ decisa da Gribben, che ha trovato la compiacenza dell’editore NewSouth Book per stampare l’opera al centro di vivaci polemiche.

da del 12 aprile 2011

_____________________

Inserito su www.storiainrete.com il 15 aprile 2011

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

2 commenti


  1. Cambiamo anche il Leopardi:
    “non ti molceva il core/la dolce lode or delle NEGRE chiome,/
    or degli sguardi innamorati e schivi;”
    E cambiamo anche il Carducci:
    “Sei ne la terra fredda,/Sei ne la terra NEGRA;/
    Né il sol piú ti rallegra/Né ti risveglia amor.”
    …poi il Montenegro, il Negroni, il salame Negronetto.

    Maurizio Masetti

  2. […] Bocciato il Mark Twain “politically correct” […]

    Storia in Rete, in edicola il numero di Aprile | HistoriaWeb - la storia sul web

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.