Beatles, Michael Jackson e Sinatra spiati dall’FBI

16 aprile

The Beatles e Michael Jackson furono spiati dell’Fbi, nel caso potessero rappresentare una minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti: è quanto riporta il tabloid britannico The Sun.

.

da TMNews del 16 aprile 2011
.
Il Bureau, come dimostrano i dossier recentemente declassificati, era preoccupato non tanto dalla musica, quanto dai musicisti e su questo punto i federali si sono rivelati di gusti eclettici: dai Kiss (violenze nei concerti), a Frank Sinatra (presunti legami con la mafia e tendenze comuniste), passando per Jimi Hendrix e Grateful Dead (per possibile spaccio di droga); come vittima di un tentativo di estorsione compare invece Elvis, che con l’Fbi era piuttosto incline a collaborare.

In particolare, ci sono 200 pagine su John Lennon (considerato un pericoloso radicale oltretutto drogato) e Yoko Ono, colpevoli di aver posato nudi per la copertina di un album; quanto a “Jacko”, l’interesse nei suoi confronti del Bureau era giustificato dalle accuse di pedofilia.

____________________

Inserito su www.storiainrete.com il 16 aprile 2011

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.