Nave romana d’età imperiale scoperta ad Ostia Antica

29 aprile

La parte superiore della fiancata destra di un’imbarcazione lignea della prima età imperiale e’ affiorata negli scavi di Ostia Antica durante il rifacimento del Ponte della Scafa che collega Ostia a Fiumicino. Sul luogo degli scavi e’ arrivato a sorpresa questa mattina il ministro dei beni culturali Giancarlo Galan: ”un ritrovamento da brivido”, ha commentato il ministro e un ”grande risultato dell’archeologia preventiva se si pensa a quante cose come questa sono andate disperse”. Un’operazione ”complessa e importante”, ha aggiunto ”che ci dice molte cose sulla linea di costa e su quello che succedeva circa duemila anni fa”.

.

da ANSA del 28 aprile 2011 Prima pagina: Ansa.it

.

”La scoperta e’ avvenuta durante i lavori di archeologia preventiva utile per le opere pubbliche che ci consente di far convivere le esigenze di valorizzazione e tutela dei reperti con le necessita’ dei cittadini”, ha affermato Paola Germoni, direttore scientifico dei lavori, presentando la scoperta alla stampa. ”Plausibilmente il suo rinvenimento – ha aggiunto – indica l’antica linea di costa arretrata di circa 4 chilometri rispetto all’attuale”. ”La scoperta e’ una novita’ – ha sottolineato Anna Maria Moretti, sovrintendente archeologico di Roma e Ostia Antica – perche’ a questa profondita’, 4 metri dal piano attuale di campagna, non e’ mai capitato di trovare un’imbarcazione ma solo stratificazioni o una struttura. Al momento – ha aggiunto – sono affiorati 11 metri di fiancata, ne’ la poppa ne’ la prua ma ci sono resti di cordami. Il restauro e’ delicatissimo – ha concluso – la barca e’ costantemente ricoperta d’acqua perche’ il legno non si secchi e il relitto va trattato con una metodologia sofisticata”.

_______________________

Inserito su www.storiainrete.com il 29 aprile 2011

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.