Michelangelo, all’asta bozzetto per affresco perduto “Battaglia di Cascina”

16 giugno

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Uno dei rari disegni di Michelangelo Buonarroti (1475-1564) ancora in mani private, uno dei bozzetti superstiti per l’affresco ”La battaglia di Cascina”, sara’ battuto all’asta da Christie’s a Londra martedì 5 luglio nella vendita dedicata agli ‘Old Masters’. Disegnato in uno dei momenti cruciali della carriera dell’artista rinascimentale, si tratta di uno dei 24 studi preparatori del perduto affresco ”La battaglia di Cascina” e l’unico ancora in mano di un collezionista privato.

.

da IGN del 31 maggio 2011

.

Secondo un portavoce di Christie’s, il bozzetto, che raffigura uno studio anatomico di un uomo nudo visto di spalle, può spuntare un prezzo tra i 3 e i 5 milioni di sterline. Sarà offerto per la prima volta all’asta da quando il disegno michelangiolesco fa parte da oltre trent’anni della stessa collezione privata europea ed e’ stato visto finora una sola volta in pubblico, in occasione della mostra dedicata a Michelangelo all’Albertina di Vienna nel 2010.

Prima dell’asta di luglio, lo schizzo sarà presentato da Christie’s al pubblico a New York, Hong Kong e Londra. Tra l’agosto e il settembre 1504, venne commissionato a Michelangelo l’affresco ”La battaglia di Cascina”, una guerra vinta dai fiorentini contro i pisani nel 1364 nei pressi di Cascina. Di quest’opera, destinata alla Sala Grande del Consiglio in Palazzo Vecchio, realizzo’ solo il cartone, eseguito presso lo Spedale dei Tintori a Sant’Onofrio, e terminato nel 1505, ma che è poi andato perduto.

____________________

Inserito su www.storiainrete.com il 16 giugno 2011

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.